Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Casi particolari

 

Casi particolari

 

ININTERROTTO POSSESSO DELLA CITTADINANZA DELLE DONNE ITALIANE SPOSATE A CITTADINI FRANCESI 

La legge sulla cittadinanza n.555/1912 prevedeva la perdita della cittadinanza italiana in caso di acquisizione di una cittadinanza straniera per matrimonio. Nel 1975, con la riforma del diritto di famiglia, tale norma è stata abrogata ed è stata prevista la possibilità di riacquisto della cittadinanza italiana su domanda.

Inoltre, la più recente giurisprudenza ha ritenuto che in determinate circostanze alle donne italiane che hanno perso la cittadinanza per effetto del matrimonio con un cittadino francese o per naturalizzazione del marito italiano possa essere riconosciuto un ininterrotto possesso della cittadinanza.

Vanno tuttavia distinti alcuni casi a seconda del periodo in cui è stato contratto il matrimonio con il cittadino francese:

Cittadinanza delle donne italiane sposate con cittadini francesi tra il 01/01/1948 e il 08/01/1973
Le donne italiane sposate con cittadini francesi tra il 1 gennaio 1948 e l’8 gennaio 1973 e che per effetto del matrimonio hanno acquisito automaticamente la cittadinanza francese possono presentare apposita istanza per ottenere il riconoscimento dell’ininterrotto possesso della cittadinanza italiana.
A tal fine possono rivolgersi all’Ufficio cittadinanza di questo Consolato Generale per informazioni sulla documentazione da presentare.
Il costo di tale procedura è di € 300,00.
Tale riconoscimento consente di trasmettere la cittadinanza ai figli che vengono considerati anch'essi italiani dalla nascita. I figli maggiorenni, ove intendano avvalersi di tale disposizione, devono tuttavia effettuare analoga dichiarazione in tal senso e sono soggetti al pagamento della tassa consolare di € 300,00.

Cittadinanza delle donne italiane sposate con cittadini francesi tra l'8 gennaio 1973 e il 24 marzo 1995
Le donne italiane che hanno richiesto e acquisito la cittadinanza francese per matrimonio dopo l'8 gennaio 1973 - data di entrata in vigore della nuova legge francese sulla cittadinanza che non prevede più l'attribuzione automatica della cittadinanza per effetto del matrimonio - hanno perso la cittadinanza italiana.

Cittadinanza delle donne italiane che hanno acquisito per matrimonio la cittadinanza francese dopo il 24 marzo 1995
In applicazione del Secondo Protocollo della Convenzione di Strasburgo entrato in vigore il 24 marzo 1995, le donne italiane divenute francesi per matrimonio hanno conservato la cittadinanza italiana.


 


197