Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Messaggi precedenti

 

Messaggi precedenti

Messaggio della Console Generale d’Italia a Parigi ai connazionali del 2 giugno 2020

Cari Connazionali,

ebbene, anche se sembra incredibile, è arrivato ormai il momento di indirizzarvi un ultimo messaggio come Console Generale, perchè con l’estate si concludera’ il mio mandato nella « Ville lumière ». Da tempo sognavo un grande evento di saluto in Consolato, aperto a tutti voi che ci avete seguito costantemente, a tutti gli esponenti della nostra straordinaria collettività che ho avuto il privilegio di incontrare, ma la grave emergenza sanitaria che ha bruscamente stravolto le nostre vite me lo impedisce.

Mi fa piacere quindi salutarvi cogliendo l’importante occasione del 2 Giugno, giornata di celebrazione della Festa della nostra amata Repubblica.  E’ stato infatti in questo giorno, nel 1946, che il popolo italiano, per la prima volta a suffragio universale, ha scelto la forma istituzionale della Repubblica rispetto alla Monarchia.

Da una parte, pertanto, nel solco della continuità, tengo ad aggiornarvi brevemente sulle nostre attivita’, che si sono sostanzialmente focalizzate sulle richieste di servizi legate alla pandemia; dall’altra tengo a ripercorrere alcuni dei momenti salienti che ci hanno visti protagonisti durante questi ultimi tre anni e mezzo.

All’indomani della decretazione del confinamento in Italia e in Francia abbiamo costituito una Task Force operativa coordinata dalla Console Vicaria, che si è dimostrata ancora una volta una funzionaria eccezionale. In stretta sinergia con l’Ambasciata e con l’Unità di Crisi del Ministero degli Esteri, la Task Force si è spesa senza risparmiarsi, giorno, notte e week end compresi, rispondendo a circa 10 mila telefonate e ad altrettante email per richieste di rimpatri, transiti, assistenza sanitaria, sociale e emergenze, al fine di assistere i connazionali nella realizzazione delle loro necessità di mobilità e di salute, oltre a fornire riscontri puntuali sulle normative in continua evoluzione.

Il lavoro della Task Force è stato straordinario. Continuo ancora oggi a ricevere tributi di apprezzamento per il suo operato. Ne sono fiera, e sono pertanto profondamente grata a tutto il personale interessato, compreso il nostro dinamicissimo medico di fiducia. Oltre a loro, tengo ad esprimere grande apprezzamento anche al Comitato degli Italiani Eletti all’Estero (COMITES), al Coordinamento delle Associazioni dei Professionisti italiani a Parigi (CAP Paris), all’Associazione Donne Italiane Rete Estera (DIRE), all’Associazione degli Psicologi Italiani (APSI), all’attore Cesare Capitani e a tanti altri che ci hanno generosamente offerto la loro assistenza in uno sforzo di squadra straordinario.

Durante il periodo più difficile abbiamo purtroppo dovuto annullare gli appuntamenti già fissati, al fine di tutelare la salute degli impiegati e degli utenti, pur continuando a mantenere aperto il Consolato per le emergenze.

Successivamente, il 18 maggio 2020, in stretta osservanza con le normative italiane e francesi, abbiamo avviato una riapertura progressiva al pubblico, riadattando i locali per rispondere sia agli imperativi di sicurezza sanitaria, sia all’esigenza di soddisfare il più possibile le richieste di servizi consolari, in particolare di rilascio dei documenti.

Credetemi, cari Connazionali, è una sfida titanica. Il nostro Consolato serve quasi 180 mila connazionali, un numero più alto della popolazione di città come Cagliari, Livorno, Perugia, Reggio Calabria. Questo, con una squadra di 34 impiegati, me inclusa. A titolo di esempio, per il rilascio dei passaporti, che è solo una parte della nostra attività, abbiamo 1200 appuntamenti da riprogrammare, più quelli correnti che si producono mese per mese, che solitamente si attestano a circa 800. D’altro canto, le normative che dobbiamo e vogliamo osservare rendono ogni operazione assai più lunga dei circa 15/20 minuti solitamente necessari per verificare i carteggi, prendere le impronte, controllare l’identità, stampare il passaporto, incassare la percezione. A fronte di cio’, gli impiegati assegnati al servizio sono attualmente solo 4.

Sento fortemente l’esigenza di condividere con voi questi dati in uno spirito di assoluta trasparenza, e anche perchè non potremo purtroppo soddisfare 2000 domande prima dell’estate. Occorrerà prioritizzare. Occorrerà, se vi è possibile, rimandare a settembre richieste non urgenti per lasciare il vostro posto a chi ha assoluto bisogno del documento e non puo’ fare altrimenti. Anche in questa contingenza, cari Connazionali, vi prego di dare nuovamente prova di solidarietà. Dal mio canto, vi assicuro che sto cercando in tutti i modi, con i mezzi di bordo e ricercando anche soluzioni creative, di districare al meglio questo nodo.

Sul fronte della proiezione esterna, il Consolato è stato purtroppo costretto ad annullare gli eventi in programma, benché io stessa partecipi volentieri a incontri virtuali, che sono in costante crescita, e continui ad avviare e incoraggiare progetti a beneficio della collettività compatibili con le normative Coronavirus. Come sempre, il nostro partner abituale è la Direzione degli Italiani all’Estero (DGIT) del MAECI e, localmente, il Consiglio degli Italiani Eletti all’Estero (COMITES) oltre a tutto il mondo dell’Associazionismo, in sinergia, ovviamente, con l’Ambasciata e tutto il sistema Italia.

Due sono le iniziative post-Coronavirus che sono state avviate proprio in questi giorni : la traduzione in francese e in Braille della Guida « Turismo delle Radici » e il progetto « #ITALentueux ».

La prima iniziativa riguarda una guida realizzata dalla DGIT sul turismo del ritorno, primo prodotto di una strategia visionaria del MAECI che vuole incoraggiare gli italodiscendenti nel mondo a rintracciare i luoghi di provenienza dei propri avi, alla riscoperta delle radici. E’ un modo geniale, a mio parere, per conservare la memoria di un’estesissima generazione di italiani, provenienti da tanti Comuni troppo spesso sconosciuti all’estero, che con il loro lavoro, la loro perseveranza, il loro sacrificio, si sono affermati nei nuovi Paesi d’adozione, come è successo in Francia, ove i transalpini considerano ormai l’emigrazione italiana del secolo scorso il modello per antonomasia di immigrazione. « Ces Italiens qui ont fait la France » titolava qui un paio di anni fa - racchiudendo tutta una filosofia - l’autorevole rivista francese « Historia » mentre qualche mese dopo è stata la rivista economica « Challenge » ad attualizzare titolando « Ces Italiens qui font la France ».

La nostra iniziativa di rilanciare la guida con la traduzione ci sembra peraltro coincidere con un momento propizio, nel quale è essenziale per il bene del nostro Paese, più duramente colpito dalla pandemia di altri, incentivare il turismo, nostra principale fonte di reddito, soprattutto verso le regioni più martoriate. Da parte nostra, peraltro, proponendone la traduzione sia in francese sia in Braille, con l’aiuto del Dirigente scolastico insieme ai rispettivi responsabili COMITES, Patrizia Bisson e Salvatore Falcone, abbiamo inteso darle una doppia valenza locale: il coinvolgimento degli allievi della rete scolastica italiana della Circoscrizione, che in questo periodo di relativa stasi degli studi saranno gli autori delle traduzioni, sotto la guida dei propri insegnanti ; e un’attenzione alla diversità, promuovendo la traduzione in Braille e in audio di un prodotto che – al contrario del facile immaginario collettivo – è di grande interesse per i ragazzi ipo- e non-vedenti. Ne sono felice.

In questi giorni abbiamo anche avviato, in collaborazione con il Coordinamento delle Associazioni dei Professionisti Italiani nella Regione parigina (CAP Paris), un piccolo progetto « virtuale » che si chiama #ITALentueux. Si tratta di brevi video, che verranno diffusi sui nostri social, di alcuni italiani straordinari, che sono qui sorprendentemente tanti, che si narrano, ci raccontano come è nata la loro opportunità in Francia, e ci svelano il loro sogno nel cassetto. Vogliamo farvele conoscere meglio, queste persone eccezionali, e farle conoscere sorpattutto al pubblico locale, visto che le registrazioni avverranno in francese. Per me personalmente, questo progetto rappresenterà un modo per riscoprire insieme a tutti voi persone eccezionali che ho avuto il privilegio di conoscere in questi anni.

Cari Connazionali, sono onorata di aver avuto la straordinaria opportunità di guidare un Consolato Generale cosi prestigioso come quello di Parigi. Ho tentato di interpretare a 360 gradi il mio mandato, dando il meglio di me, e spero vogliate perdonarmi se a volte ho deluso le vostre aspettative.

Guardando al passato, rimango comunque orgogliosa di alcuni risultati, che mi hanno dato grande soddisfazione e che credo abbiano portato un valore aggiunto al nostro quotidiano lavoro.

Sul fronte dei servizi, con l’aiuto dei miei impiegati, siamo riusciti a riassorbire ingenti arretrati che si trascinavano da anni nella trattazione delle pratiche AIRE e nel riordino di migliaia e migliaia di fascicoli fuori posto nell’archivio storico. Sono stati due lavori di programmazione, che hanno preso svariati mesi, benchè siano in realtà di poca visibilità. Ma di grande sostanza, credetemi, perchè costituiscono il presupposto del nostro quotidiano lavoro, che facilitano in maniera sostanziale. Abbiamo, infine, da poco avviato il delicato passaggio alla carta di identità elettronica.

Sul fronte dei progetti, tante sono state le iniziative che il Consolato ha avuto il piacere di seguire, come la splendida iniziativa di sistema lanciata dalla Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese (DGSP) del MAECI, la « Settimana della Cucina Italiana nel Mondo » per la quale ricordo, anno dopo anno, la crescita in termini di partecipazione e di articolazione degli eventi ; l’avvio di programmi di collaborazione duraturi tra istituti alberghieri francesi e italiani nel contesto dei gemellaggi della Circoscrizione consolare ; l’approdo, per la prima volta, della cucina italiana nella piazza adiacente il Louvre, in un primo festival di colori e sapori che auspico possa ripetersi negli anni.

Tante altre sono state le iniziative che ci hanno impegnato. Ma tra tutte, due sono quelle che tengo a ricordare con maggiore trasporto, perchè mi hanno accompagnato e appassionato nel quotidiano per più di due anni : la costituzione del Coordinamento delle Associazioni dei Professionisti Italiani (CAP Paris) e la realizzazione dell’iniziativa editoriale « L’Italia del Père Lachaise. Vies extraordinaires des Italiens de France et des Français d’Italie. » Entrambe sono state realizzate in collaborazione con il Comitato degli Italiani Eletti all’Estero (COMITES) e con il determinante sostegno della Direzione Generale degli Italiani all’Estero (DGIT) del MAECI.

Il primo progetto, che federa in un Coordinamento dieci Associazioni che rappresentano i professionisti italiani a Parigi (CAP Paris), corrisponde a una necessità sentita da tempo nell’ambito della collettivita’, per mettere in rete i tanti connazionali che esercitano con soddisfazione e prestigio nella Circoscrizione . Si tratta di una realta’ di grande interesse e con numeri in forte crescita, difficile da mappare a causa dell’alto grado di mobilita’, e di fatto complementare all’emigrazione tradizionale, che è ormai arrivata alla quarta o quinta generazione. Valorizzare questa complementarieta’ tramite il COMITES, che si è fatto portatore del progetto attraverso l’impegno di Claudia Donnini, è stato il valore aggiunto di un’iniziativa che oggi, a piu’ di un anno dalla sua nascita, è diventata una realtà autonoma e dinamica anche grazie al suo Presidente Luigi Apollonio e alla sua squadra, e che ha dato impulso alla costituzione di altre Associazioni professionali, come quelle, nate di recente, degli Psicologi Italiani (APSI) e dei Medici Italiani a Parigi (AMIP). Con il CAP Paris, inoltre, abbiamo lanciato e seguito numerose iniziative rivolte alla popolazione giovanile, tra cui la giornata di presentazione delle eccellenze universitarie italiane, il progetto stage in imprese italiane, la giornata dell’orientamento alla scelta universitaria, la piattaforma virtuale d’iscrizione dei ricercatori e dottorandi temporaneamente a Parigi. Sono estremamente felice di questo grande e duraturo risultato frutto di un investimento importante in tempo ed energie durato piu’ di due anni. Grazie, grazie a tutti, a tutti coloro che si sono prodigati per realizzare questa bella iniziativa a beneficio della collettività, che spero possa continuare a crescere e magari a essere replicata in altre realtà territoriali.

Il secondo progetto, « L’Italia del Père Lachaise. Vies Extraordinaires des Italiens de France et des Français d’Italie » è nato da un omaggio alla tomba dell’antifascista Aurelio Orioli in compagnia di Gianantonio Mingozzi, che ha costituito un’imprevedibile occasione di scoperta di altri antifascisti e di tante altre personalita’ italiane e italo-francesi che riposano o hanno riposato nel più famoso cimitero monumentale parigino.

I numeri dei recensiti all’epoca, quando l’idea del progetto era agli albori, si sarebbero poi quadruplicati. L’interesse cresceva, ma è stato l’incoraggiamento deciso di Valdo Spini e in seguito di Antonio Patuelli, cui dobbiamo l’impulso determinante della decisione di partire. Impulso raccolto senza riserve e con forte entusiasmo dal COMITES, con Tiziana Zalla prima e poi Teodoro Bartuccio, Consigliere responsabile del progetto, che con Renato Zuliani ha lavorato senza sosta per scovare i luoghi delle sepolture, spesso nascoste da decenni. In questo grande lavoro di squadra, é stata la DGIT del MAECI, guidata da Luigi Vignali a credere nel progetto, a seguirlo tramite l’attenzione quotidiana di Giovanni De Vita, e a fornire l’apertura di credito per far concretamente partire la nostra avventura.

Ora, cari Connazionali, abbiamo una splendida antologia bilingue edita da Skira su 61 personaggi illustri, scritta a 123 mani e coordinata da una straordinaria Costanza Stefanori ; una guida turistica tascabile, edita da Laborintus ; una piantina ; un’applicazione per smartphone di Teria, che ce ne ha fatto omaggio. Sono in corso di realizzazione un libro di fumetti con la direzione personale di Vincenzo Cirillo e una pièce teatrale a cura degli alunni della scuola italiana Leonardo Da Vinci. L’opera, che forma oggi oggetto anche di una pagina Wikipedia, è stata presentata nelle prestigiose sedi dell’Ambasciata d’Italia a Parigi e dell’Ambasciata di Francia a Roma e, subito prima del « lockdown », in dieci Comuni italiani, su loro invito. La stampa ha dato all’iniziativa un’attenzione che non avremmo mai immaginato nè sperato, con 89 articoli in tutte le testate principali, comprese varie francesi. Ne siamo tutti felici, nella speranza che questo progetto di aggregazione, di diversità, di memoria e di amicizia possa essere ricordato e magari emulato altrove.

Cari Connazionali, questa volta so di essermi dilungata oltre misura. Ma è un’occasione particolare. Questo mio messaggio non è un addio, ma un arrivederci : spero infatti sinceramente, in futuro, di rivedervi a Parigi, a Roma o in qualche altra parte del mondo.

Cari Connazionali, a voi tutti va il mio più speciale e fervido augurio di una meravigiosa Festa della Repubblica e di salute, felicità, serenità  e successo per il prosieguo.

Grazie

Emilia Gatto

Console Generale d’Italia

 

*****************

Messaggio della Console Generale d’Italia a Parigi ai connazionali del 23 marzo 2020

Cari Connazionali,

mi rivolgo a voi tutti, alle vostre famiglie e ai vostri cari, in questo difficilissimo momento che accomuna nell’avversità tutti i popoli del mondo e nel quale il nostro Paese sta purtroppo pagando un prezzo elevatissimo.

Come di consueto, ero in procinto di aggiornarvi sulle nostre attività. Avevo preparato un articolato messaggio che, con lo scorrere degli eventi, non mi sento più di condividere. Il cataclisma che ha sconvolto le nostre vite ci impone nuove priorità.

La grande emergenza che stiamo vivendo richiede a tutti uno straordinario senso di responsabilità, di attenzione al prossimo, di solidarietà, di fratellanza, di generosità. Rivolgo pertanto a tutti voi un appello affinché ogni singolo connazionale collabori facendo la sua parte nel pieno rispetto delle regole che sia il nostro Governo sia quello del Paese che ci ospita ci hanno dato. Sono dure, difficili, necessarie. Sono chiare, anche se in continua evoluzione perché dobbiamo adattarci, e reagire ora per ora all’andamento di un fenomeno che non governiamo. E’ pertanto non soltanto auspicabile, ma fondamentale prendere regolarmente visione del nostro sito, che aggiorniamo continuamente, e di tutti gli altri siti istituzionali rilevanti:

Consolato Generale: https://consparigi.esteri.it/consolato_parigi/it/

Ambasciata: https://ambparigi.esteri.it/ambasciata_parigi/it/

Viaggiare sicuri: http://www.viaggiaresicuri.it/

Comites di Parigi: https://www.comitesparigi.fr/

Governo francese: https://www.gouvernement.fr/info-coronavirus

France Diplomatie: https://www.diplomatie.gouv.fr/fr/conseils-aux-voyageurs/conseils-par-pays-destination/

Santé publique France: https://www.santepubliquefrance.fr/

Il Consolato, le Istituzioni, contano sull’impegno di tutti voi.

Il Coronavirus ha avuto effetti paralizzanti anche sull’attività ordinaria del vostro Consolato, in primo luogo con il rinvio della data del Referendum Costituzionale, ma anche di tutti gli eventi in programma, da quelli più prettamente rivolti all’utenza consolare, come “InformiAmoC” e “InformiAmoCIT” (incontri con la nostra squadra per quesiti sui servizi consolari e in materia di cittadinanza), a quelli destinati ai professionisti, come gli incontri con avvocati e giuristi, con il personale del settore sanitario, con i giovani universitari, studenti di master e dottorandi (che avevamo qui incontrato subito prima della crisi in grande numero, grazie alla nostra piattaforma dedicata), a quelli celebrativi, infine, come l’evento che avevamo organizzato per la giornata della donna.

Anche la carta d’identità elettronica, grande innovazione che il vostro Consolato, una delle sedi pioniere della rete, aveva appena fatto partire, ha purtroppo subito una battuta d’arresto proprio durante il periodo di avviamento della procedura.

Fortunatamente, siamo riusciti in tempo a realizzare il nostro grande progetto L’Italia del Père-Lachaise. Vies extraordinaires des Italiens de France et des Français d’Italie, promosso in collaborazione con il Comitato degli Italiani eletti all’Estero (COMITES) e il prezioso sostegno della Direzione Generale degli Italiani all’Estero del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale. Una bella iniziativa di valorizzazione del patrimonio di amicizia profonda tra l’Italia e la Francia. All’inizio di quest’anno ha infatti visto la luce una magnifica pubblicazione edita da Skira, che suggella e ricompensa i nostri sforzi. La fortuna ci ha assistito fino in fondo, perché prima dello sconvolgimento Covid-19 siamo riusciti a realizzare tutti gli eventi di presentazione dell’opera che avevamo programmato!

La prima presentazione dell’opera ha avuto luogo il 7 febbraio 2020 presso l’Ambasciata d’Italia a Parigi all’illustre presenza dell’Ambasciatrice d’Italia Teresa Castaldo, del Direttore Generale degli Italiani all’Estero Luigi Vignali e del Presidente del Comitato degli Italiani Eletti all’Estero (COMITES) Vincenzo Cirillo. Ospite d’onore è stata l’attrice Monica Bellucci, coautrice dell’opera, mentre il 10 febbraio 2020 abbiamo avuto il piacere di presentare nella prestigiosa cornice dell’Ambasciata di Francia a Roma. Successivamente, su invito di alcune delle numerose collettività locali che hanno lavorato alla pubblicazione, si sono susseguite presentazioni di carattere monografico a Napoli, Ravenna, Milano, Bari, Barletta, Pesaro, Livorno, Firenze e, infine, Catania. Ringrazio tutti gli organizzatori e i partecipanti: in ordine, insieme alle loro squadre, il Sindaco Luigi De Magistris, il Presidente Antonio Patuelli, l’Assessora Roberta Cocco, il Direttore Aldo Patruno, il Sindaco Cosimo Cannito, il Vice Sindaco Daniele Vimini, il Sindaco Luca Salvetti, il Presidente Valdo Spini e il Sovrintendente Giovanni Cultrera. A tutte le presentazioni, ho avuto il piacere di assicurare la mia presenza. Sono stati momenti splendidi, che hanno peraltro suscitato una grande attenzione mediatica, come non ci saremmo mai immaginati. Grazie, grazie a tutti gli straordinari 123 autori volontari e a tutti gli amici che ci hanno accompagnato e sostenuto in questo meraviglioso percorso!

Cari Connazionali,

nel concludere, desidero riprendere l’argomento di apertura di questo messaggio.

Il vostro Consolato è a disposizione. Vi assicuro che tutta la squadra sta lavorando senza sosta, con una dedizione al lavoro senza precedenti. Ci troviamo in prima linea, sommersi da centinaia, migliaia di telefonate e email di richieste di assistenza e di informazioni, alle quali cerchiamo come possiamo di far fronte. Abbiamo creato una Task Force di coordinamento (per vostra informazione, durante la settimana sono attivi i seguenti numeri: 0144304700/42/45; 0669560688; 0669587452; 0669642667 e la mail informazioni.parigi@esteri.it - per le sole urgenze: H24 i numeri 0607227256 e 0680063238) che lavora in costante collegamento con l’Ambasciata, che smista le informazioni che riceve in tempo reale per tutto il territorio francese. A questa stretta collaborazione istituzionale si sta affiancando il Comitato degli Italiani Eletti all’Estero (COMITES), che per vocazione ha proprio l’assistenza ai connazionali, cui abbiamo chiesto di sostenerci su questioni che il Consolato ha già esaminato e che richiedono un seguito organizzativo e logistico complementare o di semplice ascolto.

A questo proposito, desidero ringraziare tutti coloro che spontaneamente si sono detti disponibili ad aiutarci: associazioni, professionisti, singoli individui. Grazie, grazie infinite. Grazie di quanto già fate, soprattutto per alcune categorie di voi, grazie per quanto farete e per quanto desiderate fare. Ogni aiuto è benvenuto. Occorre però che sia strutturato attraverso i vostri rispettivi centri di aggregazione. Oltre al COMITES, si stanno attivando il CAP Paris (Coordinamento dei Professionisti Italiani nella regione parigina), il gruppo degli operatori del settore sanitario esclusi ovviamente coloro che sono “al fronte”, gli psicologi riuniti nell’APSI, i ricercatori (Recif), e tante altre realtà. Prendete contatto con loro, per mettere le vostre energie in sinergia con quelle istituzionali nel comune impegno per vincere questa grande sfida.

Cari Connazionali,

Teniamo duro. Pensiamo positivo. Io sono convinta che presto vedremo la fine del tunnel. Supereremo, insieme, anche questa prova. Con il contributo e lo sforzo di tutti.

Nell’attesa del grande piacere di rivedervi presto de visu, vi abbraccio tutti virtualmente,

Emilia Gatto

Console Generale d’Italia

 
**********************

Messaggio della Console Generale d’Italia a Parigi ai connazionali del 18 dicembre 2019

Cari Connazionali,

questi ultimi mesi sono volati, e siamo di nuovo alla vigilia del Natale. Tengo ad aggiornarvi sulle tante, ultime novità.

SERVIZI CONSOLARI

Sul fronte dei servizi, se da una parte abbiamo avuto alcune difficoltà a causa di una situazione di progressiva riduzione delle risorse umane, abbiamo cercato di sopperirvi con alcune misure di efficientamento, laddove possibile. In particolare, abbiamo messo a regime un servizio di prenotazione telefonica dell’appuntamento per il passaporto nelle ore centrali della giornata, e il riscontro è assai positivo. Abbiamo raggiunto in tal modo il duplice obiettivo di spalmare meglio nel corso della giornata le chiamate in arrivo (che erano scarse in quelle ore ma troppo abbondanti nelle altre fasce orarie), e di fornire una risposta a tutti coloro che non riescono a prenotare l’appuntamento tramite il portale prenota on line.

La carta d’identità elettronica

Siamo riusciti ad azzerare gli arretrati dell’ufficio carte d’identità, con un piccolo rafforzamento del personale addetto, che ringrazio per aver lavorato in breve tempo tutte le pratiche rimaste in giacenza. Si trattava di una condizione indispensabile per avviare la tanto attesa procedura di rilascio della carta d’identità elettronica, che costituirà la nostra priorità per i prossimi mesi. Sono, infatti, lieta di comunicarvi che abbiamo ricevuto i macchinari da Roma, e stiamo ora finalmente incamminandoci verso quest’obiettivo. Siamo, al riguardo, lusingati di appartenere al novero delle prime sedi prescelte dal Ministero degli Esteri per l’applicazione delle nuove procedure, e lavoreremo con impegno e dedizione per potervi assicurare il servizio quanto prima possibile.

InformiAmoC

La nostra nuova iniziativa di risposta al vostro bisogno di informazioni, che abbiamo chiamato “InformiAmoC”, è già alla seconda edizione e la terza è programmata per giovedì 12 marzo. Nonostante il grande interesse emerso all’interno della collettività per questo tipo di iniziative, gli appuntamenti richiamano ancora pochi partecipanti. Vi incoraggiamo quindi, per qualsiasi interrogativo o dubbio, ad iscrivervi a questi incontri a voi dedicati. Inoltre, sollecitati da numerosi quesiti al riguardo, stiamo programmando per la primavera una sessione informativa dedicata specificamente al riacquisto della cittadinanza italiana per coloro che a diverso titolo l’abbiano persa in passato.

INIZIATIVE  ED EVENTI

Sul fronte delle iniziative, le ultime settimane sono state decisive. Abbiamo infatti concluso due importanti progetti realizzati in stretta collaborazione con il COMITES, che se ne è fatto promotore e di cui siamo entrambi molto soddisfatti.

Coordinamento delle Associazioni dei Professionisti italiani nella Regione parigina (CAP Paris)

Lunedi 9 dicembre è stato ospitato, nella prestigiosa cornice dell’Ambasciata d’Italia a Parigi, l’evento di presentazione del CAP Paris, la cui costituzione rappresenta un grande successo per il Comites di Parigi.

E’ stata in quell’occasione suggellata la felice conclusione di un progetto complesso e ambizioso, che il Consolato Generale è stato lieto di accompagnare in circa due anni di incontri e riunioni con il Comites e le altre dieci Associazioni che ne fanno oggi parte (Alumni Bocconi, Alumni Politecnico di Milano, Alumni Politecnico di Torino, Alumni liceo italiano Leonardo da Vinci, Alumni Circolo franco-italiano Sciences Po Parigi, Associazione Laureati Luiss, Donne Italiane Rete Estera, Italian Executives in Paris, Rete dei Ricercatori Italiani in Francia, Associazione dei Dirigenti d’impresa in Francia).

La presenza per l’occasione del Direttore Generale per gli Italiani all’Estero e le Politiche Migratorie Luigi Maria Vignali, e l’egida sempre assicurata dall’Ambasciatrice Teresa Castaldo, testimoniano la grande attenzione che la Farnesina dedica all’importante fenomeno della “nuova mobilità”, in costante crescita nella circoscrizione parigina.

Oltre 300 professionisti, tra i quali personalità di spicco affermate anche nel contesto francese, hanno mostrato il loro apprezzamento per la realizzazione di un progetto che da tempo si auspicava in seno alla collettività e che – come sottolineato dal Direttore Vignali – diventa oggi un esempio da emulare in altre circoscrizioni consolari.

Il CAP Paris, come ha illustrato il presidente Luigi Apollonio, procede a grandi passi, forte della rappresentanza di oltre duemila professionisti italiani, e si propone obiettivi sia di networking tra gli associati e con realtà analoghe francesi, sia di più lungo respiro come quelli di raggiungere una sempre più sinergica collaborazione tra emigrazione tradizionale e nuova mobilità, al fine di fare rete e coordinare l’impegno a beneficio di tutte le anime della grande collettività italiana.

Tengo qui ad attirare la vostra attenzione sull’importante realtà del Comites, che ancora alcuni di voi non conoscono. Il Comites è un Comitato elettivo che rappresenta la collettività italiana e che ha rilevanza come interlocutore delle istituzioni. E’ attivo in ambiti che interessano i connazionali, come potete constatare visitando il sito www.comitesparigi.fr. Vi invito pertanto ad avvicinarvene, per apprezzarne le attività e anche in previsione del rinnovo delle cariche elettive che sono in scadenza nella primavera prossima.

L’Italia del Père-Lachaise. Vies extraordinaires des Italiens de France et des Français d’Italie

Il nostro grande progetto editoriale, promosso anch’esso congiuntamente con il Comites (Comitato degli Italiani eletti all’Estero) e il sostegno della Direzione Generale degli Italiani all’Estero del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, è ormai arrivato a conclusione. Ne sono personalmente felice, anche perché mi sono investita in prima persona insieme al Comites, come voi sapete, in questa bella iniziativa di valorizzazione di un patrimonio di amicizia profonda tra l’Italia e la Francia.

Dopo la piantina con l’individuazione delle tombe degli illustri, presentata in occasione della Festa Nazionale nel giugno scorso, a novembre abbiamo presentato in Consolato la guida tascabile edita da Laborintus, e siamo ora in attesa della grande pubblicazione illustrata, che la prestigiosa casa editrice Skira ha già dato alle stampe. Programmiamo intanto varie presentazioni, e tra quelle che si svolgeranno in Francia, la prima avrà luogo in Ambasciata.

Settimana della cucina italiana nel mondo

Si è inoltre conclusa la “IV Settimana della cucina italiana nel mondo”, che nella circoscrizione di Parigi si è estesa per un intero mese, dal 15 novembre al 16 dicembre! Tutti gli attori istituzionali si sono attivati e il Consolato ha promosso direttamente 11 iniziative che si sono svolte nella Circoscrizione. In particolare, cinque al di fuori di Parigi, nel quadro dei gemellaggi con altrettante città italiane, a Lilla, Bourges, Tours, Digione, Orleans; due in Consolato, sia con l’Associazione Dimore Storiche sia con i pasticceri di Caltanissetta; un seminario sull’olio d’oliva; una conferenza sulle donne chef; un libretto,“il Passaporto del Gusto”, e infine un mercato davanti al Louvre, promosso in collaborazione con ICE e ENIT. Una grande maratona, cui hanno partecipato vari allievi di scuole alberghiere italiane e francesi, in un bell’approccio che ha fatto leva sulla collaborazione anziché sulla competizione. Voglio qui ringraziare in maniera particolare l’Istituto Bartolomeo Scappi di Bologna, l’Istituto Comprensivo Martin Luther King di Caltanissetta, la Scuola Immaginazione e Lavoro di Torino e da parte francese gli istituti  Tirel  e Médéric di Parigi, e le scuole alberghiere di Lilla e di Orléans.

Giornata di Orientamento e iniziative per i giovani

Infine, sono continuati numerosi gli eventi rivolti alla collettività scolastica della Circoscrizione, tra cui l’apprezzata tradizione annuale della Giornata dell’Orientamento, che in questa edizione ha visto come oratrice d’apertura la Vice Direttrice dell’UNESCO per l’Educazione, ed ex Ministra della Pubblica Istruzione Stefania Giannini. Nel pomeriggio, abbiamo presentato l’arte digitale con Florent Aziosmanoff, creatore della “Living Mona Lisa”, un quadro della Gioconda con l’intelligenza artificiale esposto in Consolato per l’occasione. In precedenza, nel quadro della collaborazione con il CAP Paris, il Consolato ha ospitato un evento di presentazione delle nostre università d’eccellenza: auspichiamo una partecipazione ancora più numerosa per la prossima edizione 2020 al fine di illustrare ai giovani studenti le nostre migliori istituzioni!

Abbiamo infine, come ormai consuetudine, raccolto in Consolato una folta rappresentanza di universitari, studenti di master e dottorandi, con i quali abbiamo avuto un interessante scambio sugli argomenti che stanno loro più a cuore, tra cui le possibilità di accedere a tirocini e alle informazioni per il primo approdo. Per l’occasione, ha partecipato, tra gli altri, la direttrice italiana della sezione giovani talenti dell’ufficio tirocini dell’OCSE. Vi ricordo comunque la nostra piattaforma “Il Portale dell’Universitario” http://studentiitaliani.mystrikingly.com/ ,  cui si accede dal sito del Consolato, alla quale ogni giovane che si trasferisce per brevi periodi a Parigi per motivi di studio può iscriversi per essere informato sulle novità e sulle attività del Consolato.

Sono infine lieta di annunciarvi che da circa un mese ha assunto presso l’Ufficio Scolastico del Consolato il Dirigente Luigi Vallebona, cui vanno i nostri migliori auguri di buon lavoro.

Alla Dante Alighieri, viceversa, il Presidente Michele Canonica è rientrato a Roma ed è stato sostituito da Bruno Racine. Al primo un calorosissimo ringraziamento per il lavoro straordinario qui svolto per molti anni e al secondo un caro benvenuto e l’auspicio di continuare a collaborare con progetti di valorizzazione della lingua e della cultura italiana.

Cari Connazionali,

non è veramente tutto, ma non posso soffermarmi oltre sulle altre numerose attività che impegnano quotidianamente il vostro Consolato.

Prima di lasciarvi, vi invito pertanto a tenere sempre d’occhio il nostro sito ufficiale, sul quale sono pubblicati gli avvisi importanti e le notizie di maggior interesse; nonché i nostri canali social (facebook, twitter e instagram) che, con regolarità, raccontano i momenti più salienti della vita in Consolato e al di fuori, durante i tanti avvenimenti pubblici.

Insieme a tutta la squadra del Consolato, vi auguro di cuore meravigliose Feste di fine Anno, che possiate trascorrere in serenità insieme ai vostri affetti più cari.

Emilia Gatto

Console Generale d’Italia

**********************

Messaggio della Console Generale d’Italia a Parigi ai connazionali del 16 settembre 2019

Cari Connazionali,

dopo la pausa estiva, che spero tutti voi abbiate potuto trascorrere in serenità, il vostro Consolato si è rimesso in pista con tante attività e un fitto programma. Desidero pertanto, come sempre, aggiornarvi sulle ultime novità.

Prima dell’estate si sono succeduti numerosi eventi dedicati alla rete scolastica italiana: grande soddisfazione per gli ottimi risultati della Scuola italiana Leonardo da Vinci e dei Licei Internazionali di Balzac e di Saint Germain-en-Laye, che hanno valso a quattro maturandi il “premio eccellenza”, conferito dal Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura, Fabio Gambaro, dal Direttore della Dante Alighieri di Parigi, Michele Canonica, e dal Direttore di Thello, Roberto Rinaudo. Ringrazio tutti per la loro generosità. Abbiamo anche organizzato un’occasione di saluto del personale della scuola in partenza, tra cui la Dirigente Scolastica Daniela Gennaro, rientrata a Roma dopo nove anni di eccellente servizio a Parigi. A lei vanno i nostri ringraziamenti e migliori auguri per il futuro. Non ci fermiamo qui però, perché già due importanti iniziative sono in programma in questo contesto: sabato 28 settembre, su iniziativa del CAP Paris (Coordinamento delle Associazioni dei Professionisti Italiani a Parigi), alcune università di eccellenza italiane si presenteranno in Consolato ai giovani interessati a proseguire i loro studi in Italia; mentre sabato 7 dicembre il Consolato ospiterà la V edizione della Giornata di Orientamento, un’apprezzata tradizione nel corso della quale giovani maturandi avranno l’opportunità di incontrare, in una cornice informale, dei professionisti italiani, che, su base volontaria, dispenseranno suggerimenti e consigli.

Con il CAP Paris, che è ormai un’entità autonoma e piena di energia, abbiamo anche ripreso gli incontri in Consolato con i professionisti divisi per settori. Abbiamo da poco ospitato il secondo incontro dei professionisti del settore sanitario, che sarà seguito, giovedì 17 ottobre, da un incontro con avvocati e giuristi italiani o italofoni. Si tratta di uno degli eventi che mirano a far rete e creare sinergie tra le diverse componenti della nostra bella collettività, tra cui il Comites di Parigi, che ne è membro onorario e promotore. Tengo ad attirare la vostra attenzione su questa importante realtà che ancora alcuni di voi non conoscono. Il Comites è un Comitato elettivo che rappresenta la collettività italiana e che ha rilevanza come interlocutore delle istituzioni. E’ attivo in ambiti che interessano la collettività italiana, come potete constatare visitando il sito www.comitesparigi.fr. Vi invito pertanto ad avvicinarvene, anche in vista del rinnovo delle cariche elettive, che avverrà nella primavera del 2020, e che auspichiamo possa far nascere un Comites ancora più dinamico e rappresentativo di tutte le componenti della nostra grande collettività. Con il Comites, che è ormai diventato un nostro partner costante, è inoltre “in lavorazione” un grande evento per la collettività, che ruoterà attorno al calcio. Idealmente l’iniziativa vorrebbe portare all’attenzione anche il calcio femminile, sulla scia degli splendidi momenti che proprio quest’anno ci ha regalato la partecipazione di grande livello delle Azzurre al campionato del mondo.

Il nostro grande progetto editoriale “L’Italia del Père-Lachaise. Vies extraordinaires des Italiens de France et des Français d’Italie”, promosso anch’esso congiuntamente con il Comites (Comitato degli Italiani eletti all’Estero) e il sostegno della Direzione Generale degli Italiani all’Estero del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, procede a grandi passi. Siamo in primo luogo felici di annunciarvi che abbiamo scelto la prestigiosa casa editrice SKIRA per la pubblicazione della grande antologia illustrata, programmata entro dicembre, mentre continuano le iniziative a sostegno e promozione del progetto. Sono riprese il 15 settembre le nostre visite guidate mensili al Cimitero Monumentale del Père Lachaise, in compagnia di alcuni dei nostri autori volontari, e il prossimo appuntamento è fissato per domenica 20 ottobre, sempre alle 11 all’entrata principale. Giovedì 10 ottobre alle 15.30, a Blois, il progetto avrà una vetrina d’eccezione: una presentazione nell’ambito del noto festival annuale “Rendez-vous de l’Histoire” che quest’anno sarà interamente dedicato all’Italia! Sarà un’occasione straordinaria, anche perché proprio in quella cornice si firmerà il gemellaggio tra Blois e Urbino, che sarà rappresentata da una delegazione guidata dal Sindaco Maurizio Gambini. Domenica 13 ottobre alle 14.00 avremo un’ulteriore bella occasione: presenteremo il nostro progetto a Parigi al “Salon de la Revue” presso la Halle des Blancs Manteaux, insieme a Valdo Spini, Presidente dell’Associazione delle Riviste italiane e Presidente del Circolo Fratelli Rosselli, due dei personaggi della nostra iniziativa editoriale.

Sono riprese anche le riunioni del Comitato direttivo incaricato di organizzare la “IV Settimana della cucina italiana nel mondo” che si svolgerà con numerosi eventi dal 12 al 27 novembre 2019. Come ho già avuto occasione di segnalarvi, quest’anno abbiamo deciso di portare la Settimana anche in altre località della nostra circoscrizione consolare e in tale occasione coinvolgeremo le città italiane gemellate con quelle ove si svolgeranno le iniziative. Sempre nell’ottica di privilegiare la progettualità all’eventistica, stiamo lavorando alla creazione di contatti e sinergie tra licei alberghieri italiani e francesi. E, a questo fine, sono stata felice di incontrare recentemente il Presidente e il Direttore della Scuola Alberghiera Médéric per impostare i termini della collaborazione.

Sul fronte dei servizi consolari continuiamo a lavorare ai nostri obiettivi di lungo termine: all’azzeramento dei pesanti arretrati delle pratiche di iscrizione all’AIRE e al riordino di circa 56.000 fascicoli consolari, si è aggiunto un ulteriore bel traguardo, nel settore dello stato civile. Oggi anche per le pratiche di nascita, matrimonio e morte, i tempi di trattazione sono ridotti ad un paio di giorni lavorativi! Ne sono molto lieta, e tengo a ringraziare per questo bel risultato la dedizione della coordinatrice consolare e delle impiegate del settore. Sappiamo che rimangono ancora delle sfide, ma siamo determinati ad impegnarci per risolverle. Abbiamo pertanto bisogno dei vostri consigli, e per questo abbiamo deciso di lanciare una nuova iniziativa, che inizia oggi lunedi’ 16 settembre, e che idealmente vorremmo ripetere a cadenza regolare. Si tratta di “InformiAmoC”, un’opportunità per i Connazionali di incontrarmi insieme alla coordinatrice consolare, ai responsabili dei settori dei servizi consolari e ai rappresentanti del Comites e dei Patronati, per porre domande e fornire suggerimenti al fine di offrirvi servizi sempre migliori, compatibilmente con l’esiguità delle nostre risorse.

Al riguardo, sono lieta di informarvi che abbiamo nella nostra squadra da pochi giorni il nuovo Direttore Amministrativo, il dott. Fabrizio Bovino, al quale formuliamo i nostri migliori auguri di buon lavoro. Continua nel frattempo il servizio di prenotazione dell’appuntamento per i passaporti tramite una linea telefonica e uno spazio orario dedicati, per alleggerire la concentrazione delle telefonate in orari di punta e per venire incontro agli utenti non informatizzati. Vi ricordo comunque che il rinnovo del passaporto è consentito anche 6 mesi prima della scadenza ed è pertanto consigliabile, se possibile, orientarsi verso periodi diversi da quelli antecedenti le vacanze.

Cari Connazionali,

prima di lasciarvi, vi invito a tenere sempre d’occhio il nostro sito ufficiale, sul quale sono pubblicati gli avvisi importanti e le notizie di maggior interesse; nonché i nostri canali social (facebook, twitter e instagram) che, con regolarità, raccontano i momenti più salienti della vita in Consolato e al di fuori, durante i tanti avvenimenti pubblici.

Un cordialissimo saluto a tutti,

Emilia Gatto

Console Generale d’Italia

**********************

Messaggio della Console Generale d’Italia a Parigi ai connazionali del 25 Giugno 2019 

Cari Connazionali,

i mesi appena trascorsi sono stati davvero densi di attività. Con la conclusione delle elezioni europee si è chiuso anche un periodo estremamente impegnativo per tutta la squadra del Consolato, che ha dato prova di dedizione straordinaria. È stata un’enorme soddisfazione notare come la partecipazione al voto nella circoscrizione consolare sia aumentata rispetto agli anni scorsi. È mio augurio che tale andamento continui ad accrescersi negli anni a seguire, dal momento che l’esercizio del diritto di voto è espressione per eccellenza di cittadinanza e democrazia.

Questo bel risultato, però, non sarebbe stato possibile senza l’aiuto dei tanti connazionali che, dimostrando un alto senso dello Stato, si sono generosamente resi disponibili per far funzionare la complessa macchina logistica-organizzativa delle elezioni. Un apprezzamento del tutto particolare va quindi ai nostri Presidenti e ai nostri Scrutatori di seggio, che, non risparmiandosi, hanno saputo portare a termine in maniera eccellente un compito tanto gravoso quanto delicato e sostanziale. Grazie infinite a tutti!

Recentemente si è svolta la Festa Nazionale della Repubblica italiana, che mi auguro abbiate trascorso lietamente. Per noi del Consolato è stata una giornata molto significativa. Abbiamo festeggiato i 73 anni della nostra cara Repubblica presso l’Ambasciata, gentilmente accolti dall’ambasciatrice Teresa Castaldo assieme a tanti amici francesi e numerosissimi esponenti della grande e dinamica collettività italiana di Parigi. E come ogni anno, finanche a Kourou, nella Guyana francese, e a Noumea, in Nuova Caledonia, si è celebrato l’anniversario della nascita della nostra Repubblica su iniziativa dei nostri Vice Consoli Onorari Giorgio Cappa e Riccardo Baroni.

Alla Festa Nazionale abbiamo avuto l’opportunità di presentare il primo frutto dello sforzo condiviso del progetto editoriale L’Italia del Père-Lachaise. Vies extraordinaires des Italiens de France et des Français d’Italie”, promosso congiuntamente dal Comites (Comitato degli Italiani eletti all’Estero) e da questo Consolato Generale: una mappa inedita dedicata agli straordinari italiani di nazionalità, di origine o di cuore ivi sepolti che rappresentano il profondo legame storico e culturale tra i popoli italiano e francese. Ad essa farà presto seguito un’applicazione gratuita per smartphone offerta gentilmente dall’impresa Teria, che è riuscita a geolocalizzare precisamente (e vi assicuro non è compito facile!) tutti i nostri illustri. È inoltre in stampa una guida turistica, cui seguirà infine, dopo la pausa estiva, la pubblicazione di una grande antologia illustrata, cui partecipano 120 autori a titolo volontario. Nel quadro delle attività per il progetto, oltre all’ultima passeggiata guidata della stagione, un significativo evento di raccolta fondi si è tenuto presso i nostri locali con uno spettacolo dell’attore Pierre Santini, figlio del pittore e nostro personaggio illustre Pio Santini. Era presente anche il comico Pascal Legitimus e la sorella del cantante Georges Moustaki, anch’egli uno dei tanti protagonisti del Progetto.

Il mese scorso abbiamo ospitato un incontro con gli avvocati italiani e italofoni che esercitano nella regione parigina. Uno dei principali obiettivi era quello di presentare il CAP Paris - Coordinamento delle Associazioni di Professionisti Italiani a Parigi nato su iniziativa congiunta del Comites e del Consolato, con l’obiettivo di aggregare gli italiani che si sono trasferiti in Ile-de-France per motivi lavorativi al fine di accrescerne la visibilità in ambito professionale, scientifico e culturale. Alcuni giorni fa il Consolato ha avuto il piacere di ospitarne la prima Assemblea Generale. Sono stata lieta di constatare come alcuni importanti progetti siano stati votati, tra cui un grande raduno di fine anno/inizio 2020 di tutti i membri delle Associazioni partecipanti, anche come occasione di presentazione “in società” di questa importante realtà. Si è inoltre parlato di avviare l’iniziativa di mappatura degli italiani e francesi di origine italiana che detengono cariche elettive nei Consigli municipali parigini e dell’Ile-de-France, e che spesso sono discendenti dell’emigrazione tradizionale. Un altro grande motivo di soddisfazione è stato constatare come sempre più le Associazioni appartenenti al CAP Paris si coordinino nel promuovere iniziative, come avvenuto recentemente per una interessante Conferenza sull’intelligenza artificiale, congiuntamente realizzata al Palais Brogniart da IEP – Italian Executives in Paris – e l’Associazione degli ex allievi del Politecnico di Torino. Dal loro canto, l’Associazione Laureati Luiss e il circolo franco italiano di Sciences Po sono stati interessati al grande sforzo organizzativo che ha visto per mesi le due Università lavorare per la realizzazione di un incontro di alto livello sulle relazioni tra l’Italia e la Francia in Europa che ha avuto luogo la settimana scorsa nell’ateneo parigino.

Procedono le riunioni del Comitato direttivo incaricato di organizzare la “4ͣ Settimana della cucina italiana nel mondo” che si terrà dal 18 al 24 novembre 2019. Come nelle precedenti edizioni, la manifestazione intende promuovere l’eccellenza enogastronomica italiana, rivolgendo quest’anno una particolare attenzione al tema dell’educazione alimentare e della cultura del gusto. Tra le tante iniziative attualmente in fase di programmazione, vorrei segnalarvi che da quest’anno il programma non si concentrerà solo su Parigi, ma vedrà iniziative anche in altre località della nostra circoscrizione consolare quali Lilla, Tours, Digione e Orléans.

Numerosi sono stati gli eventi promossi dal Comites che hanno avuto luogo in Consolato. Ad inizio maggio si è tenuta la 4° edizione del Networking Professionale, con l’obiettivo di mettere in sinergia vecchie e nuove immigrazioni di lavoratori italiani nella regione parigina per offrire loro proficue occasioni di scambio e collaborazione, oltre che favorire l’occupazione dei nuovi arrivati. Su proposta del Comites, il Consolato ha ospitato anche una tavola rotonda sulle tematiche della mobilità, della famiglia e dell’espatrio.

In collegamento con la Festa della Donna, abbiamo ospitato in Consolato un evento organizzato dall’associazione Led by Her, con la partecipazione della sua Presidente, una giovane italiana d’eccezione, Chiara Condi, che meritoriamente aiuta le donne che si trovano in difficoltà o che hanno subito violenza fisica o morale, a ricostruirsi e a diventare economicamente indipendenti.

Tra le iniziative di rilievo dedicate alla collettività italiana, la settimana scorsa si è tenuto il Forum delle Associazioni Italiane, un importante appuntamento organizzato come ogni anno da “Italia in Rete” grazie al dinamismo e alla dedizione della sua Presidente Patrizia Molteni. Anche questa edizione si è svolta nel parvis della Mairie del IV arrondissement, alla presenza del Sindaco Ariel Weil, a testimonianza dell’attenzione con la quale le autorità francesi guardano alla nostra collettività. Oggi si inaugura nel XIII arrondissement la tradizionale Settimana Italiana, festival di amicizia che è giunto ormai alla sua diciannovesima edizione grazie all’energia positiva di Jacqueline Zana Victor, che per il suo lungo impegno a beneficio della collaborazione culturale italo-francese ha recentemente ricevuto il riconoscimento della Medaille Grand Vermeil de la Ville de Paris.

Numerose sono state, come di consueto, le attività dedicate alla popolazione studentesca della rete italiana della circoscrizione: la premiazione dei migliori cortometraggi realizzati in italiano per il concorso “Sotto 18” promosso dalla città di Torino con la collaborazione dell’Istituto Italiano di Cultura di Parigi; lo spettacolo Erasmus plus organizzato alla Sorbona con il contributo dell’ufficio scolastico del Consolato. Gli stessi studenti che hanno qui avuto l’onore di partecipare allo storico incontro del 2 maggio 2019 tra il nostro Presidente Sergio Mattarella e il Presidente francese Emmanuel Macron.

Continuo inoltre a presenziare in occasioni che ritengo importanti per la memoria o per conoscere importanti realtà d’insediamento italiano nell’Ile-de-France. A Nogent sur Marne, su invito del dinamico Circolo italo-francese Leonardo da Vinci, ho assistito ad uno splendido spettacolo sui Ritals. Si tratta, come sapete, di un appellativo ai tempi non lusinghiero per indicare i nostri connazionali, quando ancora – come è viceversa adesso – l’immigrazione italiana in Francia non era percepita come modello di immigrazione. Ormai le cose sono da tempo cambiate, nel tempo i nostri connazionali hanno saputo, con il loro lavoro, guadagnarsi stima e rispetto in Francia, come dimostrano oggi numerose pubblicazioni a noi dedicate. Dopo lo speciale di “Historia” di alcuni mesi fa, titolato “Les italiens qui ont fait la France”, un altro mensile di livello, “L’Histoire”, presenterà il mese prossimo un numero fuori abbonamento su “Le Génie italien”, che vi invito a leggere quando apparirà in edicola.

Accompagnata dal Presidente della Fondazione Circolo Fratelli Rosselli Valdo Spini e accolta dal Sindaco Olivier Petitjean, non ho voluto perdere la commemorazione annuale di Bagnoles de l’Orne, che custodisce un monumento dedicato ai giovani Carlo e Nello, antifascisti uccisi su mandato del regime il 9 giugno 1937. E’ stato un momento intenso, cui hanno partecipato tante Associazioni italiane e francesi, tra cui molte di combattenti e reduci di guerra. Il cenotafio dei Fratelli Rosselli si trova ora al Cimitero parigino del Père Lachaise, ove Carlo e Nello hanno riposato fino alla traslazione delle loro salme in Italia. Fanno parte anche loro dei personaggi illustri trattati nel progetto di valorizzazione del Comites e del Consolato, di cui al quarto paragrafo di questa lettera.

Sul fronte dei servizi consolari, oltre a quanto vi ho già riferito sulle elezioni, c’è da registrare un’importante novità. A partire dalla metà di maggio, è possibile prenotare l’appuntamento per rinnovare il passaporto anche tramite una linea telefonica dedicata, ad una fascia oraria in cui si registra minore affluenza di chiamate verso il centralino, dalle 13:30 alle 15:30. Da quanto abbiamo rilevato in queste prime settimane, questa misura sembra contribuire efficacemente ad allentare il concentrarsi delle chiamate in alcuni orari. Ne approfitto comunque per ricordarvi che il rinnovo del passaporto è consentito anche 6 mesi prima della scadenza ed è pertanto consigliabile, se possibile, orientarsi verso periodi diversi da quelli antecedenti le grandi vacanze.

Prima di lasciarvi, vi invito a tenere sempre d’occhio il nostro sito ufficiale, sul quale sono pubblicati gli avvisi importanti e le notizie di maggior interesse; nonché i nostri canali social (facebook, twitter e instagram) che, con regolarità, raccontano i momenti più salienti della vita in Consolato e al di fuori, durante i tanti avvenimenti pubblici.

Auguro di trascorrere una lieta e serena vacanza a coloro che già fin d’ora si apprestano a partire per le vacanze, e una buona permanenza sotto questo clima bizzarro per chi rimane. Anche se ad agosto l’attività avrà ritmi meno intensi, il Consolato resta per voi sempre a disposizione.

Un cordialissimo saluto,

Emilia Gatto

Console Generale d’Italia

**********************

Messaggio della Console Generale d’Italia a Parigi ai connazionali del  30 aprile 2019

Cari Connazionali,

spero che abbiate passato una serena Pasqua. L’estate si avvicina ed è il momento di accelerare gli sforzi per cercare di portare a termine quanto è stato seminato nei mesi passati.

Per il Consolato, in collaborazione con il Comites (Comitato degli Italiani eletti nella circoscrizione), il periodo prima delle vacanze di Pasqua si è concluso con un evento eccezionale: un concerto de la Chorale 8deChœur di Versailles, con la partecipazione del tenore Silvano Sapia, per raccogliere fondi a beneficio del Progetto congiunto “Vies extraordinaires. Vite immortali d'Italiani di Francia e Francesi d’Italia al Père Lachaise”, avviato grazie ad un contributo della Direzione Generale per gli Italiani all’Estero e le Politiche Migratorie del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Oltre a registrare il tutto esaurito, abbiamo anche avuto la partecipazione straordinaria di Monica Bellucci, uno dei 116 autori del progetto che ringraziamo ancora di cuore per la sua presenza. La celebre e splendida nostra attrice ha contribuito all’occasione con la lettura di un bel brano del diario della cantante lirica Marietta Alboni, personaggio sul quale lei stessa ha eccezionalmente scritto per noi una testimonianza. Apprezzamento per l’iniziativa è stato espresso parimenti dall’Ambasciatrice Teresa Castaldo, anche lei intervenuta, e dal Conseilleur de Paris Hermano Sanches Ruivo, che segue costantemente e con interesse le iniziative della nostra collettività. La partecipazione di un gruppo di allievi dell’Istituto per ipovedenti Paolo Colosimo di Napoli, nel quadro di uno scambio scolastico, infine, ha aggiunto un momento di forte emozione con un fuori programma di un giovane virtuoso. Il gruppo editoriale del Progetto, incoraggiato da questo bel risultato, sta ora decidendo dei prossimi passi e un primo prodotto potrebbe già uscire a Giugno.

Il principale traguardo raggiunto il mese scorso, che ha coronato un impegno congiunto di mesi, è stato tuttavia la costituzione del CAP Paris, un Coordinamento che raggruppa le Associazioni rappresentative dei professionisti nella regione parigina insieme al Comites. Il processo di costituzione è stato complesso, ma il suo esito ci ha ricompensato degli sforzi. Il CAP Paris è ormai una realtà, con un programma di lavoro e soprattutto con un dinamico bureau che vuole concretizzarlo. Alla presidenza è stato eletto Luigi Apollonio, a sua volta Presidente dell’Associazione dei Laureati Luiss, cui vanno i nostri migliori auguri di buon e proficuo lavoro. ( Per ulteriori informazioni cliccare qui ).

Sul fronte dei servizi consolari, si avvicina la data delle elezioni per il rinnovo dei componenti del Parlamento Europeo. Le operazioni di voto presso i seggi costituiti in Francia da questo Consolato avranno luogo venerdì 24 maggio dalle ore 17 alle ore 22 e sabato 25 maggio dalle ore 7 alle ore 18 (in alcune località alle ore 16). Si tratta della nostra grande priorità, che sta impegnando moltissimo tutti gli uffici consolari. Stiamo allestendo 33 seggi dislocati in tutta la nostra vasta circoscrizione consolare da Brest a Parigi. Una grande sfida è stata trovare persone idonee e disponibili a ricoprire la delicata carica di Presidente di seggio. Siamo quasi arrivati all’obiettivo, ma mancano ancora vocazioni per segretario e scrutatore, soprattutto in sedi distanti da Parigi. Ci serve il vostro aiuto, e io stessa vi sarò veramente grata se vorrete candidarvi entro e non oltre il 10 maggio 2019 secondo le modalità che troverete cliccando qui https://consparigi.esteri.it/consolato_parigi/it/i_servizi/servizi-elettorali/elezioni_europee/elezioni-europee.html

Concludo facendo stato, purtroppo, delle lamentate difficoltà per alcuni di voi di trovare un appuntamento per rinnovare rapidamente il passaporto. È effettivamente un’emergenza ciclica, che deriva sostanzialmente dall’enorme sproporzione tra addetti e collettività da servire, sproporzione che si fa critica nei periodi precedenti alle vacanze, ove la maggior parte degli utenti si accorge tardivamente dell’imminente scadenza del proprio documento di viaggio. Non vi dimentichiamo, e cerchiamo di studiare soluzioni creative per gestire questa criticità. Vi annuncio al riguardo che da metà maggio sarà possibile prenotare l’appuntamento anche tramite una linea telefonica dedicata. Ne daremo informazione sul sito, sperando che questo esperimento possa alleviare almeno in parte le difficoltà. Tengo però a incoraggiarvi fortemente, quando possibile, a rinnovare il vostro passaporto in periodi di minore affluenza, tenendo presente che il rinnovo è consentito anche 6 mesi prima della scadenza!

Un cordialissimo saluto,

Emilia Gatto
Consule Générale d’Italie

********************** 

Messaggio della Console Generale d’Italia a Parigi ai connazionali del 19 febbraio 2019

Cari Connazionali,

spero abbiate passato delle serene vacanze di fine anno e che questo 2019 sia iniziato nel migliore dei modi. Da noi al Consolato il lavoro è ripreso a pieno ritmo e siamo impegnati ad occuparci di tutti i progetti e le novità che avevamo annunciato nei mesi passati.

In questo primo mese e mezzo di attività due sono stati gli eventi di rilievo che desidero ricordare: La prima Giornata dell’immigrazione italiana e la VI giornata di Orientamento.

La prima Giornata dell’immigrazione italiana tenutasi sabato 26 gennaio e organizzata dal Comites in collaborazione con il Consolato nei nostri locali, ha visto la partecipazione di più di 300 persone ed è stata un momento qualificante dell’apertura annuale.  Occasione per indirizzare gli auguri di Buon Anno alla collettività, l’evento si inquadrava nel contesto del progetto reso possibile grazie al prezioso sostegno della Direzione Generale degli Italiani all’Estero e delle Politiche Migratorie del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, per celebrare l’immigrazione italiana in Francia. Si concluderà con una seconda giornata a fine novembre 2019, nella quale si farà il punto sugli sviluppi del processo di raccolta di testimonianze del passato e si guarderà al futuro e alle nuove generazioni. La VI giornata di Orientamento, evento ormai consolidato, si è tenuta con successo il 9 febbraio con la partecipazione di oltre 250 studenti provenienti dal liceo italiano Leonardo da Vinci di Parigi, dalle sezioni italiane dei licei internazionali Honoré de Balzac di Parigi e Saint-Germain-en-Laye e dalle sezioni ESABAC dei licei Buffon, Monet, Hugo, La Tour, Bellevue di Le Mans, Parc de Vilgénis de Massy, Camus di Bois-Colombes, Rousseau di Sarcelles e Suger di Saint-Denis. Durante la manifestazione oltre 50 accademici e professionisti hanno messo a disposizione la loro esperienza nel guidare i ragazzi nella difficile ma cruciale scelta del loro futuro, esponendo il proprio percorso formativo e rispondendo alle loro domande. L’evento diviso in due sessioni è stato introdotto nella prima parte, dedicata alle materie umanistiche e svoltasi durante la mattinata, dal giornalista e politologo Alberto Toscano, mentre la seconda parte dal Vice Governatore della Banca di Sviluppo del Consiglio d’Europa Carlo Monticelli,  svoltasi nel pomeriggio, e riguardante le materie scientifiche ed economiche.

Quanto alle attività in programma, il 2019 sarà un anno speciale poiché coinciderà con la commemorazione dei 500 anni dalla morte del grande artista Italiano Leonardo da Vinci e si susseguiranno numerosi eventi dedicati a questa straordinaria figura del passato. Le manifestazioni culturali non riguarderanno solamente i suoi capolavori conservati qui a Parigi, ma il suo genio verrà celebrato da tutte le istituzioni italiane nel mondo in tutte le sue sfaccettature. Per quanto ci concerne, Leonardo verrà commemorato sia con una conferenza organizzata in collaborazione con AlumniPolimi Parigi e AlumniPolito, nel quadro del “Coordinamento Nuova Mobilità”, intitolata “La città del futuro e le sue opere”, sia durante la Settimana della Cucina Italiana nel Mondo. Abbiamo infatti già iniziato a lavorare a questo nostro tradizionale appuntamento previsto nella sua quarta edizione dal 18 al 24 novembre 2019, per realizzare un programma ricco di appuntamenti e che valorizzi anche il territorio fuori Parigi.

Il Consolato Generale d’Italia a Parigi e il Comites - Comitato degli Italiani all’Estero sono lieti di annunciare la nascita del CAP Paris – Coordinamento delle Associazioni di Professionisti Italiani a Parigi. Coronamento di uno sforzo comune nell’ambito della nuova sinergia venutasi a creare tra il Comites e il Consolato Generale d’Italia a Parigi, il Coordinamento nasce sotto l’egida dell’Ambasciata d’Italia in Francia e con il sostegno della Direzione Generale per gli Italiani all’estero e le politiche migratorie del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Il CAP Paris, che raggruppa dieci Associazioni rappresentative della nuova immigrazione italiana nella regione parigina, mira a recensire gli italiani che si sono trasferiti in Ile-de-France per motivi lavorativi al fine di accrescerne la visibilità in ambito professionale, scientifico e culturale e intende creare nuove occasioni si confronto e di collaborazione con gli esponenti dell’immigrazione tradizionale.

Non posso concludere la parte dedicata ai progetti senza un aggiornamento su “L’Italia del Père Lachaise”. Si tratta, come ho avuto modo di dire in passato, di un progetto editoriale che celebra circa 50 personaggi illustri, italiani e francesi di origine italiana, sepolti nel cimitero monumentale del XX arrondissement parigino (fanno eccezione al criterio della cittadinanza italiana alla nascita solo due personaggi che sono stati inclusi per il loro contributo dato all'Italia: Maria Callas e Gioacchino Murat). Siamo lieti che il nostro progetto si sia arricchito del contributo di più di 100 autori, alcuni dei quali sono personaggi noti del mondo dello spettacolo, delle istituzioni e della cultura italiana. Siamo ora attivamente impegnati nella ricerca di sponsor per poter dare all’opera una veste editoriale all’altezza della valenza dell’obiettivo e dei volontari che vi collaborano con entusiasmo. Desidero quindi incoraggiare tutti coloro che ci leggeranno a considerare l’ipotesi di voler sostenere, anche con una piccola offerta, quest’opera dedicata a chi ha donato prestigio e onore internazionale al nostro Paese in ambito culturale, artistico ed economico. Non c’è un limite minimo per dare il proprio contributo, che potrà essere inviato tramite bonifico, assegno o crowdfunding. (www.progettoperelachaise.com) Siamo stati felici di constatare il successo delle due passeggiate promozionali al Père Lachaise, tenutesi domenica  13 gennaio e domenica 17 febbraio, dove i partecipanti hanno potuto usufruire di una visita guidata al cimitero.

Vi ricordo che il principale appuntamento dell’anno saranno le elezioni per il rinnovo dei membri del Parlamento Europeo previste i prossimi 24 e 25 Maggio 2019. Il Consolato ha già avviato il grande sforzo organizzativo per garantire ad ogni cittadino residente nella circoscrizione consolare il diritto al voto. Come sapete, i connazionali residenti all’estero hanno tre opzioni (alternative) di voto: possono votare in Italia; oppure in Francia per i candidati italiani nei seggi che saranno allestiti da questo Consolato; o infine per i candidati francesi iscrivendosi alla propria Mairie di residenza. In tutti i casi occorre esperire alcune formalità, e vi rimando quindi alle informazioni più dettagliate sul nostro sito, che verranno via via aggiornate.

Cari Connazionali,

Spero che gli aggiornamenti siano stati di vostro gradimento. Per ogni ulteriore informazione sulle iniziative in programma non esitate a consultare l’apposita pagina del sito cui potrete accedere dalla homepage.

Cordialmente,

 

Emilia Gatto
Consule Générale d’Italie

********************** 

Messaggio della Console Generale d’Italia a Parigi ai connazionali del 19/12/2018

Cari Connazionali,

siamo ormai alla vigilia delle vacanze di Natale, che mi auguro possano rappresentare per tutti voi una serena e rigenerante pausa da dedicare ai vostri affetti più cari.

 Per noi al Consolato, il periodo natalizio sarà certamente occasione per “tirare le somme” sul lavoro svolto in questi ultimi mesi e per rinnovare il nostro impegno per il nuovo anno, che si annuncia già carico di novità e stimolanti progetti.

Come molti di voi sapranno, nel mese di novembre questo Consolato ha avuto il piacere di coordinare gli eventi della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo, iniziativa promossa dalla Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. La settimana è stata intensa, con una ricca agenda di appuntamenti, qui seguiti anche dai media locali, tra cui la trasmissione radiofonica di Vincent Ferniot per Sud Radio. In particolare, voglio ricordare la sontuosa Cena di Gala in Ambasciata, che ha reso onore al gusto italiano grazie alla direzione artistica di Angelini Design e al menù preparato dagli Chef stellati italiani invitati per l’occasione dall’Associazione Ristoranti Buon Ricordo e dal Mori Venice Bar. Durante la serata è stato un piacere per noi avere tra gli ospiti tanti personaggi di spicco della cultura francese e italiana, tra cui il celebre presentatore Petitrenaud, la scrittrice Luana Belmondo e lo chef Bernard Pacaud.

Altrettanto coinvolgenti sono stati gli eventi dei giorni successivi: una proiezione cinematografica dedicata al grande Chef Gualtiero Marchesi, una serata di degustazione al ristorante La Felicità, due Atelier di cucina presso l’Istituto Italiano di Cultura e due conferenze, una sui Grani duri siciliani e una dedicata alla cucina umbra, con la partecipazione dello Chef Gianfranco Vissani. Tra i tanti appuntamenti c’è stata anche occasione di indagare il rapporto tra arte e cucina, con il Festival multidisciplinare “Un giorno per Tiziana” organizzato dal Comites di Parigi nella Sala delle Feste gentilmente concessa dalla Mairie del XIV. Lo stesso Comites ha curato l’organizzazione della bella manifestazione “In Vino Verit’Art” tenutasi a Digione, per portare il nostro messaggio anche fuori dalla capitale francese. La grande festa conclusiva degli eventi parigini si è svolta in Consolato, coronata da una gara di apertivi all’italiana tra gli studenti dell’Istituto Paolo Borsellino di Palermo.

Tantissimi eventi dunque, che speriamo siano riusciti a raccontare e trasmettere il profondo patrimonio culturale rappresentato dalla cucina del Nostro Paese. Un programma che non sarebbe stato possibile senza l’impegno, la dedizione e la passione di tutti coloro che hanno collaborato al nostro fianco a cui vanno i miei più sinceri ringraziamenti. A tutti loro il merito del successo di questa terza edizione della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo: oltre al numeroso gruppo organizzativo, tutta la rete istituzionale del Sistema Italia, gli sponsor finanziari e tecnici che ci hanno sostenuto e gli oltre 200 ristoratori italiani che hanno aderito all’iniziativa del “Passaporto del Gusto 2018”.

Nonostante le grandi energie spese per la buona riuscita della Settimana della Cucina, il Consolato non ha tralasciato il suo impegno per gli studenti della circoscrizione. In particolare, tra gli eventi per valorizzare e mettere in luce il nostro sistema accademico si è tenuto il 10 novembre l’incontro con alcune Università d’eccellenza italiane (Bocconi, Luiss, Politecnico di Torino e Politecnico di Milano) dedicato ai maturandi dei licei italiano Leonardo da Vinci, e di quelli internazionali e francesi che hanno sezioni OIB (Option International Baccalauréat) e ESABAC (doppio diploma Esame di Stato e Baccalauréat). Abbiamo inoltre rilanciato il progetto stage di osservazione in impresa, grazie alla collaborazione di aziende italiane o a guida italiana, destinato ai liceali della nostra rete scolastica. E’ stato per tutti fonte di grande soddisfazione ascoltare le testimonianze dei ragazzi, che si sono espressi in termini molto positivi e spesso entusiastici sulle esperienze che hanno avuto l’anno scorso. D’altro canto, a causa delle proteste dei “gilets jaunes”, la VI giornata di Orientamento, inizialmente prevista per l’8 dicembre, è stata ricalendarizzata al 9 febbraio 2019. Come nelle precedenti edizioni, durante la manifestazione accademici e professionisti metteranno a disposizione la loro esperienza per guidare i ragazzi nella difficile ma cruciale scelta del loro futuro.

Il 12 novembre abbiamo avuto il piacere di accogliere una delegazione dell’Ufficio Scolastico Regionale del Lazio guidata dal Direttore Gildo De Angelis, in occasione della firma del rinnovo della Convenzione di Partenariato con l’Académie de Paris-Sorbonne, rappresentata dal Rettore Gilles Pecout. Due giorni dopo, è stato celebrato il cinquantenario dall’istituzione della Sezione Italiana presso il Liceo Internazionale d’eccellenza Saint Germain-en-Laye e il quarantenario di quella del Collège Les Hauts Grillets: è stata una festa memorabile che ha visto centinaia di invitati nella pittoresca cornice del Castello di Hennemont. Il 3 dicembre sono stata infine lieta di ospitare presso il Consolato Generale la cerimonia di consegna dei diplomi per gli allievi del doppio titolo in giurisprudenza dell'Università degli Studi di Firenze e dell'Università Panthéon-Sorbonne di Parigi. Il Consolato incoraggia questo tipo di esperienze di collaborazione accademica bi-nazionale, come uno degli strumenti per passare dalla narrativa della “fuga” dei cervelli alla cultura della loro libera circolazione.

Con gli stessi obiettivi opera anche il progetto di Coordinamento Nuova Mobilità, promosso dal Consolato in collaborazione con il Comites, con il prezioso sostegno della Direzione Generale degli Italiani all’Estero e delle Politiche Migratorie del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Nello sviluppo dell’iniziativa, che coinvolge le Associazioni rappresentative della nostra comunità di professionisti in Francia e mira a promuoverle attraverso la loro mappatura e la creazione di un network, sono stati fatti grandi passi avanti con la presentazione di una bozza di statuto che auspichiamo di approvare definitivamente a Gennaio 2019.

Non posso concludere la parte dedicata ai progetti senza un aggiornamento su “L’Italia del Père Lachaise”, l’iniziativa che ha maggiormente assorbito il Consolato, il Comites e tutto il grande gruppo di volontari che lo hanno animato. Si tratta, come ho avuto modo di dire in passato, di un progetto editoriale che celebra circa 60 personaggi illustri, italiani e francesi di origine italiana, sepolti nel cimitero monumentale del XX arrondissement parigino (fanno eccezione al criterio della cittadinanza italiana alla nascita solo due personaggi che sono stati inclusi per il loro contributo dato all'Italia).

Siamo lieti che il nostro progetto si sia arricchito del contributo di più di 90 autori, alcuni dei quali sono personaggi noti del mondo dello spettacolo e della cultura italiana. Siamo ora attivamente impegnati nella ricerca di sponsor per poter dare all’opera una veste editoriale all’altezza della valenza dell’obiettivo e dei volontari che vi collaborano con entusiasmo.

Desidero quindi incoraggiare tutti coloro che ci leggeranno a considerare l’ipotesi di voler sostenere, anche con una piccola offerta, quest’opera dedicata a chi ha donato prestigio e onore internazionale al nostro Paese in ambito culturale, artistico ed economico. Non c’è un limite minimo per dare il proprio contributo, che potrà essere inviato tramite bonifico al c/c FR76 3047 8000 0101 0211 6500 467 presso “Monte Paschi Banque - Madeleine” intestato a “L’Italia del Père Lachaise” oppure tramite assegno bancario al Comites – 4, rue de Valence – 75005 Paris. E’ importante che in entrambi i casi vengano specificati nominativo del donatore e causale (pubblicazione Père Lachaise). Le offerte superiori a 200 euro daranno infatti diritto alla citazione nella sezione del libro dedicata ai ringraziamenti; e le offerte da parte di imprese superiori a 2000 euro comporteranno l’apposizione del logo. Nel frattempo, diamo a tutti coloro che vorranno partecipare e sostenerci, appuntamento per domenica 13 gennaio alle 11:00 in situ per una passeggiata commentata alla scoperta dei nostri personaggi illustri.

Sul fronte dei contatti con il territorio, il 16 novembre sono stata a Lilla, su invito della Sindaca Martine Aubry, per celebrare i gemellaggi internazionali della città. Ho avuto il piacere, in quell’occasione, di incontrare il Vice Sindaco di Torino, Prof. Guido Montanari. Più recentemente, sono stata nel piccolo comune di Vaujours, su invito del Sindaco Dominique Bailly, che è anche Vice Presidente dell’Associazione dei Sindaci dell’Ile-de-France. Mi ha presentato tre Consiglieri comunali di origine italiana, e si è detto ben lieto di collaborare al progetto di mappatura dei rappresentanti municipali di origine italiana che, come ho avuto occasione di dire, rientra tra gli obiettivi del progetto Coordinamento Nuova Mobilità.

Per quanto riguarda il miglioramento dei servizi rimane costante il nostro impegno per mantenere il grande risultato raggiunto con l’azzeramento degli arretrati nelle pratiche di iscrizioni AIRE accumulatesi in decenni di carenza di personale e crescita della domanda. Ne sono fiera e ringrazio la mia squadra, ogni volta che - come mi capita ormai spesso - ricevo il plauso dei cittadini che si stanno via via rendendo conto della nuova virtuosa situazione. Rinnoviamo dunque l’invito a utilizzare il portale Fast-it messo a punto dal Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale, pur rimanendo sempre a disposizione per chi avesse bisogno di assistenza e supporto dedicati.

Prosegue molto bene anche il titanico lavoro di ricatalogazione, riorganizzazione, razionalizzazione e svecchiamento delle giacenze accumulatesi negli anni nell’archivio storico: si tratta di 160.000 pratiche, che con determinazione e senza scoraggiarci stiamo affrontando nell’auspicio di potervi rendere un servizio migliore in futuro.

Infine, il Consolato ha avviato il grande sforzo organizzativo per affrontare la prossima sfida, che costituirà la priorità nei prossimi mesi: le elezioni per i membri del Parlamento Europeo previste il prossimo 26 Maggio 2019. Come sapete, i connazionali residenti all’estero hanno tre opzioni (alternative) di voto: possono votare in Italia; oppure in Francia per i candidati italiani nei seggi che saranno allestiti da questo Consolato; o infine per i candidati francesi iscrivendosi alla propria Mairie di residenza. In tutti i casi occorre esperire alcune formalità, e vi rimando quindi alle informazioni più dettagliate sul nostro sito, che verranno via via aggiornate.

Cari Connazionali,

Spero che gli aggiornamenti siano stati di vostro gradimento. Per ogni informazione ulteriore e più dettagliata sulle iniziative in programma non esitate a consultare l’apposita pagina del sito cui potrete accedere dalla homepage.

Colgo l’occasione per porgervi di cuore i miei sinceri auguri per un sereno Natale e per un eccellente inizio di uno splendido e avvincente Nuovo Anno!

Cordialmente,

 Emilia Gatto
Consule Générale d’Italie

 **********************

Messaggio della Console Generale d’Italia a Parigi ai connazionali del 23/10/2018

Cari Connazionali,

ci avviciniamo ormai alla festa della “Toussaint”, prima e sollevante pausa dopo il rientro dalle vacanze estive, un periodo impegnativo ma stimolante che spero sia stato anche per voi denso di novità.Qui al Consolato siamo stati tutti in piena attività per realizzare i nostri progetti e per assicurare e migliorare i servizi.

In particolare, abbiamo dedicato numerose iniziative ai giovani italiani della circoscrizione consolare, come l’incontro con gli studenti universitari, di master e dottorandi italiani che si è svolto in Consolato il 2 ottobre e la celebrazione dell’Erasmus Day, organizzato il 12 ottobre in collaborazione con il Comites di Parigi. Entrambe le iniziative hanno riscontrato vivo interesse da parte del pubblico e hanno fornito l’occasione per avvicinare all’istituzione consolare tanti ragazzi e ragazze di talento che sono stata lieta di conoscere personalmente. Abbiamo, a tal fine, rinnovato il Portale dell’Universitario, accessibile dal nostro sito e aperto a tutti i giovani italiani che si trovano a Parigi per gli studi superiori.

Agli studenti sarà dedicato anche l’evento che si svolgerà in Consolato il 10 novembre, in cui alcune Università d’eccellenza italiane presenteranno i propri corsi di laurea ai maturandi del Liceo Italiano Leonardo Da Vinci, dei licei internazionali che hanno sezioni OIB (Option International Baccalauréat) e delle sezioni ESABAC dei licei francesi (doppio diploma Esame di Stato e Baccalauréat). Per partecipare è necessario mandare una mail a studenti.parigi@gmail.com. Vi incoraggiamo a partecipare! Se non siete della rete scolastica italiana a Parigi, sappiate che abbiamo una quota di inviti a voi dedicata, e a tal fine vi preghiamo di rivolgervi a noi prima possibile!

Saranno ancora i ragazzi i protagonisti di altri due eventi previsti in Consolato nel mese di dicembre: la giornata di consegna dei diplomi dell’Ecole de Droit di La Sorbonne per gli allievi del doppio titolo in diritto tra Paris1 e Università degli studi di Firenze il 3 dicembre e la VI giornata di orientamento dell’8 dicembre. Durante quest’ultimo appuntamento, ormai diventato un’apprezzata consuetudine, accademici e professionisti, divisi per ambiti disciplinari, metteranno a disposizione la loro esperienza per guidare gli studenti nella difficile ma cruciale scelta del loro futuro.

Nel frattempo, si sta concretizzando il progetto Coordinamento Nuova Mobilità promosso dal Consolato in collaborazione con il Comites, con il prezioso sostegno del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. L’iniziativa coinvolge le Associazioni rappresentative della nostra grande comunità di professionisti e mira promuoverle attraverso la loro mappatura e la creazione di un network; la valorizzazione del sistema accademico italiano e la promozione della mobilità di “cervelli” tra Francia e Italia; l’incoraggiamento a far rete tra nuova mobilità e emigrazione tradizionale. Nella cornice del progetto Coordinamento Nuova Mobilità, previsto partire formalmente all’inizio del 2019, si è svolto il 4 ottobre in Consolato un primo incontro con gli avvocati italiani ed italofoni operanti nella circoscrizione parigina. Dato il riscontro molto positivo, è già in programma un altro appuntamento dedicato ai professionisti del settore medico, con l’auspicio di estendere in futuri eventi a varie altre categorie.

Arrivati ormai anche alla quarta generazione, un gran numero di discendenti degli emigrati storici sono ora in posizioni di rilievo nel tessuto socio-economico e istituzionale francese, rappresentando per l’Italia un vanto e una grande forza. Lo scorso 18 ottobre sono stata orgogliosa di partecipare alla consegna del titolo di “Chevalier de la Légion d’Honneur” a Bruno Beschizza, Consigliere Regionale dell’Ile de France e Sindaco di Aulnay-sous-Bois. Bruno Beschizza fa parte di questo gruppo di figli di italiani che si sono stabiliti qui, sapendosi integrare e guadagnandosi la stima e il rispetto soltanto con il loro lavoro. Un’ulteriore conferma del prestigio raggiunto dai membri della nostra collettività nazionale qui in Francia, dove l’emigrazione italiana è considerata esemplare, non solo per quanto riguarda i professionisti e gli studenti che rappresentano la dinamica nuova mobilità ma anche per l’appunto, per i discendenti dell’emigrazione storica.

A proposito del valore della presenza italiana in Francia mi è impossibile non fare riferimento anche al progetto editoriale “L’Italia del Père Lachaise”, che celebra circa 40 italiani illustri sepolti nel noto cimitero monumentale parigino. Al momento, i lavori procedono alacremente in stretta collaborazione con il Comites di Parigi, che per il progetto ha ricevuto l’apprezzato sostegno della Direzione Generale per gli Italiani all’Estero e le Politiche Migratorie del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Dopo la nomina del coordinatore di progetto, la storica archivista Costanza Stefanori, siamo in fase di scelta dell’editore per la pubblicazione, prevista per l’estate 2019.

Si avvicina a grandi passi la 3^Settimana della Cucina Italiana nel mondo, che il Consolato ha il piacere di coordinare. Dal 19 al 25 novembre un ricco programma di appuntamenti daranno lustro e visibilità ai sapori del nostro Paese grazie al sostegno di tutte le istituzioni italiane presenti a Parigi e alla collaborazione di associazioni e operatori del settore. La manifestazione ha ricevuto anche l’attenzione di numerosi sponsor privati, ma per programmare eventi all’altezza del nostro riconosciuto prestigio internazionale nel settore, rimaniamo sempre in attesa di buone notizie. Continuiamo a lavorare al meglio per l’ottima riuscita della manifestazione, che stiamo promuovendo attivamente proprio in questi giorni al Salone Internazionale dell’Agroalimentare (SIAL) di Parigi, uno dei principali appuntamenti del settore a livello europeo che vede l’Italia, con circa 700 imprese, essere la prima nazione estera per numero di espositori e visitatori.

Anche sotto il profilo del miglioramento dei servizi ci sono novità importanti.

Sono infatti veramente soddisfatta di aver raggiunto, con l’aiuto di un’eccellente squadra, l’azzeramento di ingenti arretrati nelle pratiche di iscrizioni AIRE, accumulatesi in decenni di carenza di personale e di crescita esponenziale della domanda. Incoraggiamo tutti, per aiutarci a mantenere il traguardo ottenuto, a utilizzare il portale Fast-it messo a punto dal Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale, rimanendo comunque a disposizione ad accompagnare chi tra i nostri connazionali, magari per motivi d’età, non ha dimestichezza con l’uso del computer.

L’obiettivo raggiunto mi rasserena anche perché rappresenta un ottimo punto di partenza in vista di un’elezione importante, quella del rinnovo dei membri del Parlamento Europeo, prevista, come sapete, nel mese di maggio 2019.

Anche in vista di questa scadenza, stiamo affrontando ora una nuova titanica sfida: la ricatalogazione, riorganizzazione, razionalizzazione e svecchiamento delle giacenze accumulatesi negli anni nell’archivio storico, dovuto all’assorbimento di due sedi consolari, Lilla e Digione, e l’accorpamento delle competenze sotto Parigi. Si tratta di 160.000 pratiche, che con determinazione affronteremo nell’auspicio di potervi rendere un servizio migliore in futuro.

Cari Connazionali,

Spero che gli aggiornamenti siano stati di vostro gradimento. Per informazioni aggiornate sulle iniziative in programma non esitate a consultare l’apposita pagina del sito cui potrete accedere dalla homepage.

Colgo l’occasione per augurarvi un’eccellente e serena pausa per la prossima festa della “Toussaints”, cordialmente,

Emilia Gatto
Consule Générale d’Italie

********************** 

Messaggio della Console Generale d’Italia a Parigi ai connazionali del 13/09/2018 

Cari Connazionali,

ormai le vacanze sono per la maggioranza di voi passate o anche dimenticate, e forse c’è già chi pensa a programmare le prossime. Spero comunque che la ripresa non sia stata troppo difficile e che abbiate ben approfittato della pausa estiva.

Anche le scuole sono ricominciate, e cosi anche la Scuola Leonardo da Vinci, che è riuscita ad evitare una prospettiva nefasta di assenza di molti professori. Ciò è stato reso possibile grazie al forte impegno di tutti, a cominciare dal Preside Alaimo, che ringrazio, e alla collaborazione della Farnesina. A tutti gli studenti il mio sentito augurio di uno splendido anno scolastico!

Noi siamo in piena, anzi, frenetica attività per riprendere le fila di tutti i nostri progetti e le nostre iniziative.

Proprio ieri, l’Ambasciata ha accolto in visita il Ministro Vincenzo De Luca, Direttore Generale della Promozione del Sistema Paese al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. I cinque Consoli Generali d’Italia in Francia, l’Agenzia ICE, l’Agenzia Nazionale del Turismo ENIT e varie Associazioni del mondo economico e culturale hanno avuto l’opportunità di incontrarlo ad una riunione di sistema, che è risultata molto interessante e utile.

La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo, che si terrà dal 19 al 25 novembre 2018, sta prendendo forma definitiva, con un programma ricco di eventi, organizzati da tutte le istituzioni presenti a Parigi e da Associazioni e operatori del settore. Cominciano ad arrivare anche le prime sponsorizzazioni, anche se non siamo ancora riusciti a coprire tutti i costi preventivati e rimaniamo dunque in attesa di buone notizie.

Il progetto editoriale “L’Italia del Père-Lachaise”, che - vi ricordo - celebra circa 40 italiani illustri lì sepolti, suscita sempre maggiore interesse da parte della collettività italiana e francese, in particolare da parte di accademici, professionisti e anche di personaggi conosciuti dello spettacolo. Per la sua realizzazione, la Direzione Generale per gli Italiani all’Estero e le Politiche Migratorie del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ha accordato un finanziamento al COMITES (Comitato degli Italiani all’Estero), che lo ha inserito tra i suoi progetti prioritari, da realizzare in sinergia con il Consolato. Ne siamo lieti, e lavoriamo tutti alacremente con l’obiettivo di stampare l’opera per l’estate 2019.

Ci siamo anche rivisti con il gruppo di Associazioni che lavora alla creazione di un “Coordinamento Nuova Mobilità”, di cui stiamo finalizzando lo Statuto grazie al prezioso aiuto dello Studio Castaldi, cui siamo molto grati. Sono previsti numerosi progetti a beneficio del networking tra i membri delle Associazioni e tra questi e le istituzioni omologhe francesi; dello scambio tra vecchia e nuova mobilità e della valorizzazione del sistema accademico italiano. Anche per questa iniziativa stiamo cercando canali di finanziamento e, ovviamente, auspichiamo di trovare presto generosi sponsor.

In questa cornice, tra i progetti a noi più cari, c’è quello di mappare gli italiani e gli italo-francesi eletti presso le Mairies di Parigi, dell’ Île-de-France e di tutta la circoscrizione consolare. C’è inoltre un progetto di valorizzazione del sistema accademico italiano di eccellenza, che è sempre più apprezzato dai francesi. Organizzeremo in Consolato un primo incontro già dal prossimo autunno per presentare agli studenti dell’ultimo anno delle scuole nostre partner le università italiane d’eccellenza che si sono impegnate nella creazione del progetto “Coordinamento”. Inoltre, il mese prossimo inviteremo in Consolato ad un “Erasmus Day” i giovani residenti che hanno usufruito di un programma di scambio in Francia; sempre ai giovani sarà tra breve dedicato un evento in Consolato per far incontrare universitari, dottorandi o studenti di master che risiedono temporaneamente nella circoscrizione.

Di grande soddisfazione è stato il recente incontro tra gli studenti del liceo internazionale Honoré de Balzac con il Consigliere del servizio diplomatico all’Eliseo, alla presenza del Sindaco di Ventotene, per presentare un documento di riflessione elaborato dai ragazzi sul Manifesto di Ventotene. Chissà, ci siamo chiesti, se sarà possibile rifondare l’Europa su nuove basi proprio ripartendo da Ventotene, dove è nata?

Il 15 ottobre 2018 la Maison d’Italie ospiterà il tradizionale incontro “Benvenuti in Francia”, organizzato dal COMITES con RéCIF (rete dei ricercatori italiani in Francia) e altre Associazioni, dedicato a chi è arrivato da poco per stabilirsi in questa circoscrizione. Incoraggio tutti gli interessati ad iscriversi. Potrete incontrare le istituzioni italiane, i rappresentanti dell’associazionismo italiano, i Patronati e alcuni residenti di più lunga data, che potranno dispensarvi consigli sull’installazione.

E’ sempre un piacere continuare a scoprire componenti o personalità della nostra splendida comunità: tra qualche settimana incontrerò gli avvocati che esercitano in questa circoscrizione, in una giornata in Consolato a loro dedicata; recentemente sono stata invitata ad una grande serata organizzata dalla nota azienda di cristalleria Baccarat, che – pur non essendo italiana – vede al vertice una nostra connazionale; infine, ho scoperto che una delle più grandi fiere mondiali dedicate alla casa e al design, Maison&Objet, che ha chiuso a Villepinte qualche giorno fa, contava tra gli espositori gli italiani come prima nazionalità straniera rappresentata!

Nei prossimi giorni è prevista una mia visita all’Associazione Amicale Italie Bretagne di Quimper, e il fine settimana successivo, il 22 settembre 2018, avrà luogo al cimitero italiano di Soupir un’importante cerimonia in ricordo dei caduti italiani della Prima Guerra Mondiale.

Sotto il profilo del miglioramento dei servizi, infine, dopo il grande successo dell’azzeramento degli ingenti arretrati AIRE, l’obiettivo è ora quello di affrontare le enormi giacenze accumulatesi negli anni in archivio, e provvedere ad una riorganizzazione, razionalizzazione e svecchiamento. Un lavoro titanico, che stiamo avviando con determinazione e con i nostri migliori auspici.

Nel frattempo, cominciamo a prepararci ad un’elezione importante, quella dei membri del Parlamento Europeo, prevista, come sapete, nel mese di maggio 2019.

Cari Connazionali,

spero che gli aggiornamenti siano stati di vostro gradimento. Per informazioni ulteriori sulle iniziative in programma non esitate a consultare l’apposita pagina del sito cui potrete accedere dalla homepage.

Augurandovi di cuore eccellente ripresa, molto cordialmente,

 

Emilia Gatto
Consule Générale d’Italie

********************** 

 Messaggio della Console Generale d’Italia a Parigi ai connazionali del 26/07/2018 

Cari connazionali,

eccoci di nuovo alle porte delle vacanze estive. Alcuni di voi ci leggeranno probabilmente già dai luoghi di villeggiatura prescelti.              

Siamo molto soddisfatti del lavoro svolto negli oltre due mesi che ci lasciamo alle spalle, che hanno visto il susseguirsi di eventi e celebrazioni e la realizzazione di numerosi progetti a cui lavoravamo da tempo, progetti di cui il Consolato Generale si è fatto promotore in stretta collaborazione con l’Ambasciata, le altre istituzioni del “Sistema Italia” e la variegata rete associativa della circoscrizione consolare.

Come tutti i connazionali presenti hanno potuto constatare, la Festa Nazionale ospitata dall’Ambasciatrice Castaldo in Ambasciata lo scorso 4 giugno é stato un evento straordinario, con la partecipazione di oltre 2000 invitati. La Festa, oltre a celebrare l’importante ricorrenza della nascita della nostra Repubblica, ha anche rappresentato una vetrina delle eccellenze italiane per il grande pubblico, grazie al contributo di numerose aziende italiane.

Come tutti gli anni, a fine giugno e inizio luglio si sono svolte le cerimonie di consegna dei diplomi ESABAC (Doppio diploma Esame di Stato Baccalauréat) per gli studenti del Liceo Leonardo Da Vinci e dei diplomi OIB (Option International Baccalauréat) per gli studenti delle sezioni italiane dei Licei di Saint-Germain-en-Laye e Honoré de Balzac. Con l’occasione, presso il Consolato, ai migliori allievi di ogni scuola è stato conferito il “Premio Eccellenza 2018”, grazie anche alla collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura, l’ENIT, la sezione parigina della Società Dante Alighieri, il PLI (Progetto Lingua Italia) e l’ANPI.

Il 19 giugno scorso abbiamo organizzato presso il Consolato un incontro privilegiato tra il Consigliere di Parigi, nonché Consigliere delegato all’Europa, Hermano Sanches Ruivo, e i rappresentanti delle Associazioni Italiane operanti nella regione parigina. Abbiamo ricevuto molto apprezzamento da parte del mondo associativo italiano per questo evento speciale che ci auguriamo di poter replicare in futuro. L’impegno civico dei nostri connazionali ha rappresentato il punto cardine del discorso  del Consigliere, il quale ha tenuto a sottolineare l’attenzione riposta dalla Mairie di Parigi sulla nostra grande comunità e ha voluto incoraggiare la partecipazione alla vita cittadina degli italiani residenti a Parigi, anche rimarcando le numerose possibilità di finanziamento che la Città offre alle associazioni.

Voglio inoltre ricordare il successo della 18° edizione della Settimana Italiana, tenutasi dal 22 Giugno al 3 Luglio e promossa dalla Mairie del XIII Arrondissement, che è sempre stato un nostro partner di primo piano.

Continuano i lavori sulle iniziative culturali e di promozione dell’Italia che stiamo portando avanti.

Il progetto “Federazione Nuova Mobilità” inizia a mostrare i primi risultati. Al momento, abbiamo scelto il logo ufficiale e ci siamo fissati come obbiettivo l’inizio delle attività di coordinamento al 1 Gennaio 2019.

Siamo anche entrando nel vivo dei preparativi per la “Settimana della Cucina Italiana nel Mondo”, che si terrà dal 19 al 25 Novembre 2018 e proporrà un ricco calendario di eventi volti a celebrare la ricchezza enogastronomica e l’arte culinaria del savoir faire all’italiana. L’Ambasciatrice Castaldo, al riguardo, ha voluto sottolineare in un’intervista la grande attenzione e l’interesse con cui tutto il “Sistema Italia” guarda a questo importante appuntamento. Il programma prevede alcuni eventi per le istituzioni, altri indirizzati agli operatori di settore e altri ancora dedicati al grande pubblico, che verranno ripartiti tra l’Ambasciata, il Consolato Generale, l’Istituto Italiano di Cultura e numerose altre sedi istituzionali ed esterne.

Grande entusiasmo in questo periodo per “L’Italia del Père Lachaise”, progetto editoriale che mi sta molto a cuore e su cui stiamo lavorando in binomio con il COMITES. Il progetto è stato recentemente giudicato d’interesse dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, il quale ha anche fornito un significativo contributo al COMITES per il suo avvio. Ne siamo felici, perché l’ attenzione che ci viene data ci spinge a lavorare con ancora maggiore dedizione e rappresenta un importante riconoscimento istituzionale con il quale il MAECI ha voluto premiare il nuovo corso virtuoso che è stato avviato all’interno del COMITES.

Parlando del COMITES, vorrei ricordare a tutti che lo scorso 11 giugno Vincenzo Cirillo,  drammaturgo e regista teatrale, è stato nominato Presidente. Cirillo va a ricoprire il posto che fu di Tiziana Zalla, scomparsa improvvisamente nell’aprile scorso e alla quale abbiamo voluto dedicare una celebrazione commemorativa tenutasi il 28 giugno alla presenza del marito e delle due figlie, per ricordare con grande affetto l’eredità che la ricercatrice ha lasciato alla nostra collettività. Sulla scia di quanto ci ha lasciato la professoressa Zalla, sono convinta che questa nuova Presidenza continuerà a portare nuovi stimoli alle attività del COMITES e che avremo modo di sviluppare ulteriori sinergie propositive.

Infine, voglio spendere qualche parola per quel che riguarda il miglioramento dei servizi consolari. Tra le novità da citare, l’introduzione del Wi-Fi pubblico all’interno dei nostri locali e, soprattutto, del sistema taglia-code. Quest’ultimo, che mai era entrato in uso in questo Consolato, ha permesso una razionalizzazione dei flussi di utenti che richiedono i servizi e una gestione più razionale dell’attività agli sportelli, consentendo di minimizzare e di organizzare nel migliore dei modi i tempi di attesa.

Un grande plauso va rivolto all’Ufficio AIRE. Grazie anche al personale di nuova assunzione ed ad una nuova gestione che ha portato ad armonizzare tutte le procedure con quelle del MAECI attraverso FAST IT, il portale online della Farnesina, siamo infatti riusciti a riassorbire un importante arretrato creatosi a seguito delle elezioni nazionali.

Sono fiera del lavoro svolto e sono fiduciosa del fatto che, con il tempo, riusciremo a risolvere le ulteriori criticità che riguardano altri uffici, sempre rimanendo nell’ottica di un’amministrazione chiara, semplice e trasparente.

Cari connazionali,

nel congedarmi a voi voglio augurarvi di cuore una splendida estate e delle meravigliose vacanze. Auspico con tutto il cuore che questo periodo di riposo possa darvi nuova carica per affrontare le sfide quotidiane che vi aspetteranno al rientro. Noi in Consolato non vediamo l’ora di rilanciarci verso nuove avventure progettuali per valorizzare il contributo degli italiani nella Circoscrizione e di continuare a lavorare al servizio della nostra collettività.

Cordialmente

********************** 

Messaggio della Console Generale d’Italia a Parigi ai connazionali del 09/05/2018 

Cari Connazionali,

siamo ormai in piena primavera e ci stiamo avvicinando a grandi passi alla Festa Nazionale, in ricordo del giorno in cui, il 2 giugno 1946, gli italiani hanno scelto la Repubblica sulla Monarchia.

Quest’anno abbiamo una bella novità: la Festa che stiamo organizzando sarà unica, di tutto il “Sistema Italia”, e vedrà il Consolato celebrare l'importante ricorrenza insieme all’Ambasciata e alle altre istituzioni italiane presenti a Parigi. Tutti i numerosi rappresentanti della collettività italiana avranno l’onore di essere invitati dall’Ambasciatrice Teresa Castaldo nei magnifici locali di Rue de Varenne, sede della nostra Ambasciata! Sarà un’occasione indimenticabile, ove la comunità italiana che ruota intorno al Consolato festeggerà insieme a tutta la squadra che lavora per l'Italia a Parigi, in una cornice di grandissimo prestigio.

Accanto a queste note gaie, cari Connazionali, c’è purtroppo anche una tristissima notizia che devo darvi. Pochi giorni fa ci ha lasciati improvvisamente e immaturamente la nostra amatissima Presidentessa del COMITES oltre che stimatissima direttrice di ricerca in scienze cognitive all’Ecole Normale Supérieure, Tiziana Zalla. Una tragedia che lascia una ferita profonda nella collettività italiana tra tutti coloro che avevano avuto il privilegio di conoscerla. Io sono tra quelle persone, e intenso mi rimarrà il suo ricordo. Una persona di una nobiltà d’animo e generosità senza eguali, curiosa ma delicata, discreta, profondamente umana, appassionata e entusiasta in tutto cio’ che perseguiva. E’ per tutti noi un grande lutto, che stiamo ancora elaborando e che auspico fortemente possa portare in futuro ad iniziative scientifiche in suo onore, perché la sua memoria lo merita davvero. Un abbraccio forte al marito e alle due giovani figlie.

Cari Connazionali, malgrado la sofferenza che ci ha portato questo triste avvenimento, il Consolato va comunque avanti, e i nostri molteplici progetti fanno progressi. Tra questi, siamo in particolare concentrati nel lavorare alla pubblicazione sugli Italiani illustri che riposano al cimitero monumentale del Père Lachaise, alla Terza Edizione della Settimana della Cucina Italiana, che si svolgerà dal 19 al 25 novembre 2018, e al progetto di mettere in rete le Associazioni rappresentative della nuova mobilità italiana. Continuiamo infine nello sforzo volto a rendere i servizi più facilmente fruibili e il nostro sito di più agevole consultazione. Abbiamo anche creato un portale dedicato a tutti gli studenti universitari e dottorandi, per incoraggiarli a iscriversi, affinché il Consolato possa coinvolgerli in attività e aiutarli a fare networking tra loro. Troverete il link in questo sito.

Carissimi Connazionali, nell’augurare fin d’ora a tutti voi una splendida Festa Nazionale, vi saluto molto cordialmente

Emilia Gatto Consule Générale d’Italie

**********************

Messaggio della Console Generale d’Italia a Parigi ai connazionali del 16/03/2018 

Cari Connazionali, Si è da poco concluso un periodo estremamente denso per tutta la squadra del Consolato, che è stato completamente assorbito dai compiti istituzionali legati alla consultazione elettorale per il rinnovo del Parlamento. Per un numero di elettori di quasi 130 mila unità, che votavano per corrispondenza per l'elezione dei 12 deputati e 6 senatori della Circoscrizione "Estero", il Consolato di Parigi si è occupato della verifica e aggiornamento delle liste della circoscrizione consolare, dell'invio del materiale elettorale, della ricezione delle buste contenenti le circa 40 mila schede votate, e infine del loro invio in Italia tramite volo accompagnato dall’ "Election Manager", che ringrazio per l'eccezionale lavoro svolto durante tutto il processo. Con l'ottimo risultato di una partecipazione al voto attorno al 30%, nonostante il periodo coincidente con le vacanze scolastiche, la collettività italiana residente nella circoscrizione di Parigi ha manifestato un interesse significativo per questa ultima importante tornata elettorale, di cui mi compiaccio. Tra i deputati e i senatori eletti nella regione "Europa" nessuno è residente in Francia, ma alcuni conoscono bene la nostra realtà. A tutti i neoeletti auguriamo buon lavoro. La sfida è ora quella di riassorbire gli arretrati che si sono accumulati in queste ultime settimane, soprattutto nel settore delle registrazioni anagrafiche. Lo faremo al meglio, con le scarse risorse di cui disponiamo, cercando di razionalizzare ancor più i metodi di lavoro. Dal canto vostro, vi sarei estremamente grata se poteste venirci incontro facendo attenzione a disdire gli appuntamenti qualora pensiate di non poterli più rispettare. Spesso infatti abbiamo defezioni senza preavviso che precludono la possibilità ad altri di usufruire dei nostri servizi.
Sul fronte progettuale, mentre continuiamo a seguire l’iniziativa imprese-stage di osservazione a beneficio dei liceali italofoni dell'ile-de-France (in particolare, alunni provenienti dalla Scuola pubblica Leonardo da Vinci e dai licei internazionali nostri partner di Saint Germain e di Honoré de Balzac), abbiamo lanciato numerose altre iniziative. Un progetto che ho molto a cuore é quello dell’"Italia del Père Lachâise". Si tratta della valorizzazione, in una pubblicazione, degli italiani illustri che hanno vissuto parte della loro vita in Francia, apportando un significativo contributo alla storia e alla cultura francese, pur rimanendo fortemente caratterizzati dalla loro italianità. Mi rallegro, per il momento, di constatare molto entusiasmo attorno a questa iniziativa. Un altro progetto, che lanceremo la prossima settimana, è la costituzione di una Federazione delle Associazioni della cosiddetta nuova mobilità, formata da quella parte di connazionali che, in numero sempre crescente, si trasferiscono in Francia per ricoprire posizioni di responsabilità nel settore imprenditoriale, accademico, culturale.
La collaborazione con il COMITES (Comitato degli Italiani all'Estero) di Parigi è ripartita con grande impulso, vista la nuova atmosfera di operosità che si è creata a seguito dell'elezione alla Presidenza della Professoressa Zalla. Con il COMITES stiamo ragionando per realizzare progetti insieme, tra cui uno di archiviazione informatica delle storie dei nostri emigranti storici. Alcune settimane fa, abbiamo ospitato in Consolato la terza edizione del "Networking", un incontro di scambio tra le vecchie e le nuove generazioni a beneficio degli italiani che si trasferiscono in Francia.
Continuo, d'altro canto, a incontrare con immenso piacere esponenti dell'emigrazione di prima generazione, portatori della memoria di un periodo caratterizzato da esperienze valoriali di coraggio, difficoltà, successo e infine gratitudine, nei confronti di un Paese cugino che ci ha offerto accoglienza. Alcuni di questi italiani hanno storie straordinarie, come quella di Ermenegildo Deotto, che ho incontrato alcuni giorni fa presso la sua azienda, un vero modello nel settore della distribuzione del caffé. Lui e altri italiani straordinari come lui, li ho soprannominati, con una punta di orgoglio, #ITalentueux.
Sul fronte degli eventi, e sulla scia della tradizione dell'anno scorso, per l'8 marzo ho ospitato in Residenza tutte le socie del DIRE (Donne Italiane Rete Estera). È stata una magnifica occasione, impreziosita dalla presenza dell’Ambasciatrice Castaldo, che - come ho annunciato nel mio messaggio precedente - ha sostituito l'Ambasciatore Magliano a fine gennaio 2018. Qualche giorno fa si è svolta, nella magnifica cornice dell’Ambasciata, un’interessante Conferenza in occasione della seconda giornata del design italiano nel mondo. Il Consolato è stato lieto di aver contribuito alla sua realizzazione nel contesto del "Sistema Italia", e soprattutto di aver propiziato il contatto tra l’ISIA, tramite il suo Direttore Massimiliano Datti, e Istituti di design francesi interessati a stabilire partenariati.
Alla prima edizione della giornata internazionale dei Ricercatori, che verrà celebrata in Ambasciata il mese prossimo, il Consolato contribuirà con un’iniziativa informatica volta a recensire il composito mondo dei ricercatori della nostra Circoscrizione Consolare. Si tratta di un’iniziativa nuova, per la quale auspico un positivo riscontro.

Più a lunga scadenza, e sulla scia del successo dell'anno scorso, abbiamo avviato le riunioni per la celebrazione della III settimana della Cucina Italiana nel Mondo, che avrà luogo dal 19 al 25 novembre 2018. Un appuntamento importante, che auspichiamo denso di iniziative e ben partecipato.

Cari Connazionali,

a ritmi velocissimi lo scorrere delle settimane ci ha portato alle porte di Pasqua. Un momento significativo per fare una pausa e ripartire con maggiore energia. Di cuore, cari Connazionali, invio a tutti voi un sincero augurio di serena e gioiosa Pasqua.

Cordialmente

Emilia Gatto Consule Générale d’Italie

**********************

Messaggio della Console Generale d’Italia a Parigi ai connazionali del 31/01/2018 

Cari Connazionali,

In primo luogo desidero augurarvi di cuore un meraviglioso anno, ricco di serenità, salute e successi. Spero che le vacanze, per chi ha potuto allontanarsi, siano state rilassanti e rigeneranti.

Per me è iniziato il secondo anno di attività. E’ stato un anno denso, impegnativo e stimolante. Ho incontrato numerosi connazionali rappresentativi di vari segmenti della nostra grande collettività italiana, e continuo a conoscerne di nuovi. Ognuno è portatore di uno spunto, di un’idea, di una proposta. Tutti grandi o piccoli contributi che alimentano la bella vitalità della nostra comunità.

In ufficio, la priorita' di queste settimane e' l'importante appuntamento delle elezioni politiche del 4 marzo 2018, che rinnoveranno il Parlamento italiano. Come sapete, dal 2001 i cittadini residenti all'estero possono esercitare il loro diritto di voto senza doversi recare in Italia, votando per corrispondenza nella circoscrizione estera dove sono registrati. Attenzione, votate numerosi e al più presto. Perché il vostro voto sia valido, infatti, i plichi elettorali dovranno pervenire al Consolato entro le ore 16.00 di giovedi 1 marzo! Vi ricordo infine che, come recita l'art. 48 della Costituzione, “il voto e' personale ed eguale, libero e segreto. Il suo esercizio è dovere civico”.

Sul fronte degli eventi, nelle ultime settimane del 2017 si sono susseguite una serie di importanti iniziative: dopo la Settimana della Cucina italiana a fine novembre, abbiamo ospitato in Consolato la V giornata di orientamento per gli alunni degli ultimi anni del liceo italiano Leonardo da Vinci e delle sezioni italiane delle scuole internazionali e francesi nostre partner. Per la prima volta, abbiamo dato a questo evento un taglio internazionale, perché sempre più internazionali stanno diventando i nostri figli e nipoti. Le tre plenarie, che si sono svolte rispettivamente in inglese, in italiano e in francese, hanno avuto oratori d’eccezione: Mr. William Magwood, Direttore Generale dell’Agenzia per l’Energia Nucleare; la Signora Carla Boch, estensore dell’omonimo dizionario italiano-francese edito in Italia da Zanichelli e in Francia da Le Robert; il Vice Direttore Esecutivo dell’Organizzazione non governativa Human Rights Watch, Bruno Stagno Ugarte. Come ogni anno, si è creato spontaneamente un comitato di volontari che hanno assicurato pieno successo all’incontro e ai suoi aspetti organizzativi. Desidero citare Carolina Gierardini, che ha curato in modo straordinario la parte grafica, e le Associazioni dei Genitori che si sono generosamente adoperate per la buvette. La soddisfazione per il successo dell’evento è stata resa ancora più intensa dal fatto che ci siamo ritrovati, con i ragazzi della scuola italiana, in un’atmosfera finalmente distesa, qualche settimana dopo l’avvio definitivo della soluzione alle problematiche della messa in attuazione della riforma sulla “buona scuola”.

Per anticipare la giornata di orientamento a meta' dicembre, data più consona per eventuali scelte internazionali, la tradizionale Festa degli Auguri alla collettività e' stata posticipata a meta' gennaio, in pieno stile francese. E’ stata una gran bella festa, resa ancora più preziosa dalla partecipazione di una nostra amatissima connazionale, residente nella circoscrizione: la splendida Monica Bellucci, che ringrazio infinitamente per essere intervenuta e aver brindato con noi.

Per i prossimi mesi, abbiamo in cantiere numerose iniziative, tra cui la Giornata del Design, quella dei Ricercatori, e alcuni eventi legati alle scuole che seguiamo.

Ma la principale novita' di questi giorni e' l'arrivo della nostra nuova Ambasciatrice d'Italia, Teresa Castaldo, prima donna italiana a guidare una sede cosi prestigiosa come l'Ambasciata a Parigi, e alla quale rivolgiamo il nostro caloroso augurio di buon lavoro. L'Ambasciatrice Castaldo sostituisce l'Ambasciatore Giandomenico Magliano, che e' rimasto a Parigi per piu' di cinque anni. A lui e a sua moglie Giada va il nostro sentito ringraziamento per il grande lavoro svolto a beneficio dell'amicizia e della cooperazione tra l'Italia e la Francia .

Cari Connazionali, nell'incoraggiarvi a continuare a seguirci sul sito e sui socials, vi saluto rinnovando a voi e ai vostri cari un sincero e caloroso augurio di Buon Anno.

Cordialmente Emilia Gatto Console Generale d'Italia a Parigi

**********************

Messaggio della Console Generale d’Italia a Parigi ai connazionali del 05/12/2017 

Cari Connazionali,

è passata anche la Seconda edizione della Settimana della Cucina Italiana, conclusasi con successo il 26 novembre 2017. Sono sinceramente grata a tutti coloro che con grande slancio e generosità hanno sostenuto il Consolato e tutte le Istituzioni Italiane qui accreditate, affiancando il Sistema Italia parigino per questo importante appuntamento di promozione della cultura enogastronomica dell'Italia nel mondo, avviato nel 2016 dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale in collaborazione con il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, dello Sviluppo Economico e tutti i Dicasteri, Associazioni e Enti del settore.

La gara di preparazione del pesto con l'Associazione Palatifini di Genova, la presentazione di varie specialità regionali, la Conferenza sul cibo degli astronauti, la realizzazione di un'opera di street-art dell'artista Cibo, sono stati tra i più apprezzati appuntamenti di una settimana densa di eventi, legati tra loro da un'iniziativa trasversale di promozione della ristorazione italiana di qualità, il “Passaporto del Gusto”.

Hanno collaborato con il Consolato circa cinquanta partner, tra cui tre Istituti Alberghieri: uno francese, il Mederic, e due italiani, il Bartolomeo Scappi di Bologna e il Mandela di Castelnovo ne' Monti, ponendo le basi di una collaborazione futura.

Sul piano delle Istituzioni, la Settimana ha fornito la prima importante occasione di collaborazione con l’ICE, l’Agenzia per la promozione delle imprese italiane all’estero, grazie al suo nuovo e dinamico Direttore, Giovanni Sacchi.

Relativamente ai giovani e alla collaborazione scolastica, oltre alla priorità del sostegno alla nostra Scuola Leonardo Da Vinci in questa delicata fase di adeguamento alla nuova normativa, è in programma il 16 dicembre 2017 il consueto appuntamento annuale di orientamento, dedicato ai liceali degli ultimi anni della Scuola Da Vinci e delle sezioni italiane dei Licei internazionali e francesi nostri partner. Per gli stessi studenti abbiamo inoltre avviato un progetto con imprese italiane o interessate all'Italia per accogliere stage curriculari di osservazione, e ci riuniremo nuovamente prima di Natale per avviare la fase operativa.

Quanto ai servizi alla collettività, continuano le nostre criticità sul piano delle risorse umane, mentre i prossimi mesi si annunciano assai impegnativi anche in vista dell'appuntamento elettorale in primavera. Contiamo su alcune nuove leve, sia locali, sia in arrivo da Roma.

Le Associazioni Italiane continuano a mostrare vitalità e dinamismo, in particolare quelle della nuova mobilità. Su iniziativa della nuova Presidente del COMITES, ed in sinergia con tutte le Istituzioni Italiane accreditate a Parigi, è stato recentemente avviato alla Maison d'Italie "Benvenuti in Francia", un esercizio d'incontro tra emigrazione antica e recente, finalizzato a fornire informazioni e elementi di orientamento per i nuovi arrivati.

Desidero congratularmi per questa iniziativa, che ha avuto grande successo poiché risponde in maniera sistemica ad un'esigenza molto sentita dalla collettività.

Cari Connazionali,

la pausa natalizia si avvicina e con questo breve aggiornamento desidero augurare a tutti, di cuore, splendide feste e buon anno, che possa portare serenita' e successo a voi e ai vostri cari.

Cordialmente, Emilia Gatto Consule Générale d’Italie

 **********************

Messaggio della Console Generale d’Italia a Parigi ai connazionali del 20/10/2017

Cari Connazionali,

Ormai le vacanze estive sono più che dimenticate, ma quelle della Toussaint sono imminenti per un primo sollievo dopo il rientro che immagino sia stato impegnativo per tutti.

In Consolato, pur con grandi difficoltà perché abbiamo un terzo del personale in avvicendamento e molti rientri a Roma di personale esperto, siamo in piena attività su vari fronti.

In primo luogo, continuiamo a lavorare sui servizi: stiamo aggiornando il sito, che vi invito a visitare, per renderlo più immediato, e per incoraggiare il maggior numero di voi tutti a consultarlo prima di prendere appuntamento o venire in consolato. La collettività del nostro Consolato conta infatti 150 mila iscritti, e i nostri centralinisti sono due. Ecco perché, pur continuando a cercare soluzioni, non è per il momento possibile, nostro malgrado, rispondere a tutti.

Abbiamo pero’ rilanciato il servizio di Call Center, che – viceversa – puo’ essere in grado di rispondere a tutti, benché comporti il sacrificio di un costo. Tramite il Call Center è possibile avere immediate informazioni sui servizi consolari e ottenere appuntamenti.

In questo quadro, rimaniamo sempre all’ascolto per apportare migliorie: è ora attivo all’entrata del Consolato l’”HappyorNot”, che è un dispositivo per lasciare il vostro parere sui servizi, corredato dalla possibilità di scrivere suggerimenti, che sono benvenuti!

Continuiamo inoltre a gestire le varie situazioni di crisi, anche lontano da noi, come quella creatasi al passaggio dell’Uragano Irma nei Territori Francesi, di competenza del nostro Consolato. L’sola di Saint Martin è stata letteralmente devastata a settembre, lasciando tantissime persone in situazione difficile. Per quanto ci concerne, non abbiamo avuto fortunatamente nessun decesso né ferito grave e siamo riusciti, in costante contatto con l’Unità di Crisi del Ministero degli Esteri, a far rientrare in Italia coloro che ne hanno espresso il desiderio.

Anche sul fronte delle attività e degli eventi numerose sono le novità.

A fine settembre abbiamo avuto una visita importante: è venuto qui il Ministro Luigi Vignali, Direttore Generale degli Italiani all’Estero di recente nomina. Ci teneva a render visita alla nostra grande circoscrizione. Il Direttore ha incontrato vari esponenti della collettività, con i quali si è intrattenuto anche su punti di sostanza, con l’obiettivo di raccogliere spunti per rispondere sempre meglio alle esigenze dei connazionali che vivono qui.  Si è parlato, tra l’altro, della campagna di incoraggiamento all’iscrizione all’AIRE, diritto/dovere richiamato sul sito, e non solo in previsione dell’importante appuntamento delle elezioni politiche primaverili, ma anche per usufruire dei servizi.

Siamo ora in piena Settimana della Lingua Italiana, con eventi contemporanei in tutto il mondo, cui contribuiamo da Parigi soprattutto con le iniziative dell’Istituto di Cultura e in luoghi esterni  al Consolato.

Abbiamo recentemente incontrato alcune aziende in Consolato al fine di creare una banca dati di stage disponibili per alunni della Scuola italiana Leonardo Da Vinci e delle sezioni italiane dei licei internazionali e francesi partner.

In Consolato si svolgono a cadenza settimanale, in sinergia con le altre principali istituzioni italiane a Parigi, riunioni per preparare un appuntamento importante: la Seconda edizione della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo, che si svolgerà dal 20 al 26 novembre 2017. L’obiettivo è promuovere, in sinergia con i Paesi di accreditamento, l’enogastronomia italiana d’eccellenza, una delle nostre priorità di proiezione internazionale, che valorizza tutti gli aspetti che ruotano intorno alla cultura culinaria, come il legame con il territorio, il cinema, la lingua italiana, l’arte, lo sport e la promozione commerciale. Molti sono gli eventi in programma in Consolato quella settimana, tra cui una giornata dedicata ai piatti regionali, una alla preparazione del pesto con i metodi tradizionali genovesi, una alla Cucina nello spazio, cioè il cibo degli astronauti; altri interessanti eventi si svolgeranno all’Istituto Italiano di Cultura e in altre sedi, compresa la Mairie del XIII.  Siamo sostenuti entusiasticamente da tanti eccellenti e generosi partner del settore, ma siamo sempre pronti ad accogliere qualificati Sponsors per questa e altre iniziative, tramite le procedure illustrate sul sito nel banner dedicato “Sponsors”, ove sono illustrate anche le modalità di restituzione in termini di visibilità di chi aderisce.

Infine, ho il piacere di informarvi che il COMITES, l'importante organo rappresentativo degli italiani nella circoscrizione, ha eletto all'unanimità la professoressa Tiziana Zalla alla carica di Presidente. Alla Professoressa Zalla vanno i nostri più fervidi auguri di proficuo mandato, che il Consolato auspica finalizzato alla realizzazione di progettualità condivise a beneficio della collettività, e per le quali esprime fin d'ora piena disponibilità a collaborare.

Nel ringraziarvi dell’attenzione che continuate a dare al nostro Consolato, e nell’augurarvi di cuore un’eccellente pausa della Toussaint, vi saluto molto cordialmente.

Emilia Gatto

Consule Générale d’Italie

********************** 

Messaggio della Console Generale d’Italia a Parigi ai connazionali del 06/06/2017

Cari connazionali,

Giovedì 1 giugno abbiamo festeggiato la nascita della Repubblica italiana con una magnifica Festa, resa possibile, dopo anni di assenza, grazie a uno sforzo sinergico di un’eccellente squadra e di amici provenienti essenzialmente dal settore enogastronomico, che hanno generosamente offerto ai nostri invitati le loro migliori specialità.

Circa trecento graditi ospiti, in primo luogo i membri del Comites, le Associazioni storiche degli italiani di Parigi, Lilla e della circoscrizione consolare. Numerosissimi anche gli italiani di nuova immigrazione, e tanti amici francesi dell'Italia.

Sono veramente lieta del successo di questa Festa ritornata in Consolato, e mi ha fatto grande piacere ricevere dai connazionali espressioni di apprezzamento insieme all’auspicio che il 2 giugno possa continuare ad essere celebrato anche in futuro.

Un momento emozionante è stato quello in cui Mata Zerbo, accompagnata al piano da Sujin Jeong, ha cantato insieme al pubblico gli inni europeo, francese ed italiano. E un grande momento di allegria è stato il coro spontaneo intonato successivamente dagli alpini.

Nel mio discorso, che potete visionare qui, ho sottolineato come la promozione e la valorizzazione del patrimonio enogastronomico nazionale, un vero emblema dell’eccellenza italiana nel mondo, rappresenta uno dei principali obiettivi del mio mandato, anche in vista della realizzazione di iniziative nel quadro della seconda edizione della Settimana della cucina italiana nel mondo, che avrà luogo a novembre 2017.

Grazie quindi a tutti di aver condiviso con la vostra presenza o con il cuore i  festeggiamenti, e un grazie particolare all'Ambasciatore Magliano per la sua partecipazione e per il suo apprezzato intervento.

Ne approfitto per informarvi che giovedì 8 giugno nei locali del Consolato si svolgerà l’evento “Le rôle de l’Europe dans le contexte mondial actuel” organizzato dal Polimi (Associazione degli ex allievi del Politecnico di Milano) e rivolto agli specialisti del mondo economico e finanziario. Per noi, sarà un'occasione per inaugurare una mostra di fotografie sulla storia dell'Unione Europea, “Ever closer Union”, a 60 anni dalla sua nascita.

Il 15 giugno sarà la volta di un evento di cui il Consolato sarà co-organizzatore, insieme allo IEP (Italian Executives in Paris), su "Food and Design": l'incontro di due priorità assolute per l'Italia, e un primo passo nel percorso verso altri eventi che organizzeremo durante la Settimana mondiale della cucina italiana.

Il 21 giugno, infine, un evento sulla giornata della musica concluderà un mese intenso anche di impegni esterni, come la cerimonia del 7 giugno a Bagnoles de l’Ornes in memoria dei fratelli Rosselli; e le consegne di diplomi e dei premi per merito agli studenti della scuola italiana e dei licei internazionali nostri partners.

Un cordialissimo saluto,

Emilia Gatto Consule Générale d’Italie

**********************

Celebrazione in Consolato della Festa della Repubblica Italiana

Messaggio della Console Generale d'Italia a Parigi del 16 maggio 2017

Cari Connazionali,

Sono lieta di annunciarvi che a partire da quest’anno la Festa della Repubblica verrà nuovamente celebrata nei saloni del Consolato Generale nella giornata del 1° giugno 2017. Siamo già da tempo impegnati nell’organizzazione e nella ricerca di generosi sponsor che possano aiutarci a realizzare un evento al massimo livello. Idealmente, tutti i cittadini italiani della circoscrizione consolare sono invitati. Tuttavia, data la consistenza numerica della comunità italiana (circa 150 000 persone) e a causa delle rigide misure di sicurezza che siamo obbligati a rispettare per preservare il nostro splendido, ma delicato palazzo, i posti sono limitati. Pertanto, a partire dal 23 maggio, sarà possibile ritirare presso questo Consolato Generale, su presentazione di un documento di identità e nei limiti dei posti disponibili, un invito strettamente nominativo. L’invito è rivolto esclusivamente ai cittadini maggiorenni. Sarà nostra cura segnalare immediatamente sul nostro sito l’avvenuto esaurimento dei posti.

Vi auguro fin d’ora una buona Festa della Repubblica.

La Console Generale Emilia Gatto

********************** 

Messaggio della Console Generale d'Italia a Parigi del 12 aprile 2017

Cari Connazionali,

Sono passati già più di tre mesi da quando mi sono insediata alla guida del Consolato Generale di Parigi e vorrei condividere con voi le mie prime impressioni.

Sono stati tre mesi intensi, che mi hanno visto partecipare a numerose attività e incontrare molti interlocutori del Consolato. Solo però una piccola parte di quanto ferve nella Ville Lumière e in tutta la circoscrizione consolare, che come sapete ospita complessivamente circa 150 mila italiani registrati all'AIRE.

Nella tradizione inaugurata già tre anni fa, a fine gennaio abbiamo ospitato in Consolato un incontro di orientamento per gli studenti degli ultimi tre anni del Liceo italiano Leonardo Da Vinci e dei Licei internazionali e francesi con i quali abbiamo partenariati. I ragazzi hanno risposto in più di centocinquanta, e circa cinquanta sono stati gli orientatori che in uno spirito di generoso volontariato hanno messo le loro conoscenze ed esperienze a servizio dei maturandi. Li ringrazio tutti ancora, così come rivolgo un ringraziamento particolare a due personalità francesi italofone che hanno partecipato alle plenarie come oratori: il Recteur d'Academie Gilles Pecout, e il Direttore dell'Ecole Normale Supérieure Marc Mézard.

Il riscontro della giornata è stato talmente positivo che stiamo cominciando fin d'ora a lavorare alla prossima edizione, apportando, tra l'altro, un'attenzione specifica alle opzioni internazionali. Sono infatti convinta che per meglio valorizzare e promuovere la nostra bella lingua e la nostra cultura, i nostri ragazzi debbano essere incoraggiati a scoprirne di nuove e diverse, e in tal modo diventeranno i nostri migliori ambasciatori. Anche per questa ragione la data della prossima edizione sarà anticipata a prima della fine dell’anno, orientativamente nella prima metà di dicembre 2017.

Per la prima volta, il pomeriggio dell'8 marzo 2017 si è festeggiata in Consolato la giornata della donna. Non potevo e, soprattutto, non volevo perdere questa bella opportunità. Abbiamo proiettato in anteprima francese un film di Elena Rossini sulla pubblicità e i condizionamenti della cultura dell'estetica, e l'interesse è stato alto. Tra le tante ospiti ho avuto il piacere di rincontrare molte vecchie amiche del DIRE, una vivace associazione che co-organizzava con noi l'evento. Mancava solo la Presidente Rossella Salvia, infortunata il giorno prima, alla quale auguro di cuore di riprendere presto tutte le sue numerosissime attività.

L’agenda dei prossimi mesi si sta riempiendo velocemente. Tra i principali appuntamenti in vista, la festa della musica a giugno 2017 e la settimana della cucina italiana a novembre 2017.

Per queste ed altre occasioni auspico di poter lavorare in sinergia con le tante associazioni italiane, tra le quali molte rappresentano il patrimonio storico dell'italianità dei nostri migranti, i pionieri che hanno trovato nella Francia, in vari momenti storici del secolo scorso, un Paese di grande accoglienza. C’è attualmente al Museo dell’Immigrazione una splendida esposizione sull’emigrazione italiana, inaugurata poche settimane fa dall’Ambasciatore Magliano. Incoraggio caldamente di andare a visitarla.

Nella Circoscrizione abbiamo due COMITES, e in questo periodo ho avuto il piacere di incontrare il Presidente Sortino del COMITES di Lilla e il Vice Presidente Notarianni di quello di Parigi, auspicando presto di poter conoscere il Presidente Vaudano, che è attualmente in convalescenza, e al quale auguro di cuore un pronto e pieno ristabilimento.

La ricerca di questi italiani, e anche delle loro nuove generazioni, mi ha incoraggiato ad effettuare alcune visite fuori da Parigi. Sono stata in primo luogo a Lilla, ove ho servito ormai vent'anni fa, e che per questo mi è rimasta nel cuore; a Marcq-en-Baroeul, ove ho partecipato ad un’allegra serata organizzata dall'Associazione dei Calabresi, tuttora efficacemente guidata dal Presidente Ferraro; a Tours, ove ho scoperto un festival annuale interamente dedicato al cinema italiano e un dipartimento di eccellenza di studi rinascimentali presso l’istituto universitario Rabelais, che ospita illustri ricercatori italiani; a Digione, ove abbiamo una permanenza consolare e interessi nel settore dell'istruzione; a Versailles, per partecipare ad un coinvolgente concerto organizzato per Amatrice; al prestigioso liceo internazionale di Saint Germain en Laye, con il quale abbiamo un’importante collaborazione nel settore scolastico oltre ad una sezione italiana di ottimo livello. A Saint Germain ho partecipato alla consegna del premio “Motto per l’Italia”, promosso dal FAI Francia, che mi ha visto in qualità di membro di una giuria presieduta dal Presidente Enrico Letta, nostro illustre cittadino della Circoscrizione cui il Presidente Hollande ha recentemente conferito l'alta onorificenza di Commandeur della Legione d'Onore francese. Al decorato vanno i nostri vivi rallegramenti.

Una delle più interessanti scoperte di questi tre mesi è stata quella di un "tesoretto" di italiani di grande talento, poliglotti, plurilaureati nelle più prestigiose università del mondo, attualmente stimati professionisti, affermati dirigenti d'azienda, esimi accademici, eccellenti funzionari internazionali.

Tanti italiani, che ruotano intorno ad alcune associazioni, tra le quali quelle degli ex allievi di università italiane di prestigio internazionale, quella degli “executives”, delle donne dirigenti, solo per citarne alcune. Spero di conoscerne il maggior numero, con un forte auspicio ed obiettivo: riuscire a creare una rete che colleghi tutte queste realtà, che faccia capo al Consolato, e che diventi una forza compatta di proiezione esterna e di valorizzazione dei nostri talenti nella società francese, così come di promozione di scambi e di partenariati tra quadri, manager e dirigenti italo-francesi.

Da ultimo, voglio soffermarmi su un aspetto cruciale del mio quotidiano lavoro: i servizi offerti dal Consolato.

Fin dal primo giorno ho cercato di riflettere a come apportare il mio contributo al miglioramento dei servizi consolari. Ho preso alcune decisioni anche sulla base di alcuni suggerimenti pervenutimi, rimanendo comunque sempre pronta ad ascoltare i vostri consigli e a farne tesoro.

Nei prossimi giorni agiremo in tre direzioni: sotto il profilo dell’aggiornamento del sito web, che stiamo cercando di rendere più sintetico e maggiormente intuitivo; del contatto con gli utenti, con l’istituzione di un ufficio relazioni con il pubblico; e dei meccanismi di funzionamento.

Sotto quest’ultimo punto di vista avremo due novità. In primo luogo, dal 18 aprile 2017 adotteremo il pagamento dei servizi consolari tramite bonifico bancario, per sostituire il ricorso agli assegni, la cui circolazione in Francia già da tempo si è notevolmente ridotta. In un momento successivo, abbandoneremo anche i contatti e introdurremo il pagamento tramite carta di credito. Capisco che all’inizio cio’ comporterà alcuni disagi, ma spero che gli utenti capiranno che si tratta di un’esigenza dettata dalla necessità di razionalizzare e velocizzare il lavoro e di ridurre il più possibile i rischi legati al ricorso agli assegni e poi anche al contante.

In secondo luogo, stiamo sperimentando un metodo di iscrizione all'AIRE, chiamato SECOLI, che consentirà la compilazione del modello on line da parte dell'interessato. Verrà in tal modo eliminato un lungo passaggio interno, che ritarda notevolmente la trattazione delle pratiche di registrazione anagrafica. Anche questa novità avrà un periodo di rodaggio, e per avere successo richiederà, come auspico, la collaborazione di voi tutti.

Scusandomi per la lunghezza, queste sono le principali novità da quando ho assunto, che tenevo a condividere con voi.

Ma in realtà il motivo principale di questo messaggio è il desiderio di augurare di cuore a tutti voi una serena Pasqua, che possiate trascorrerla in salute, allegria e con le persone che amate e a voi più care.

Buona Pasqua a tutti, cari Connazionali, e a presto!

La Console Generale Emilia Gatto

********************** 

Messaggio della Console Generale d'Italia a Parigi del 27/12/2016

Cari Connazionali,

Ho assunto l'incarico di Console Generale il 21 dicembre 2016, subentrando al collega Andrea Cavallari. A lui e a sua moglie Caterina vanno i miei ringraziamenti, anche a nome di tutta la squadra del Consolato. L’incarico che mi e’ stato affidato mi onora, considerata la vastità della circoscrizione consolare, che conta circa 150.000 iscritti, e la rilevanza delle relazioni tra l'Italia e questa parte della Francia, senza dubbio prioritaria in settori quali quello commerciale, culturale, migratorio.

È pertanto con grande entusiasmo e forte motivazione che mi accingo a servire la Collettività e gli amici dell'Italia nei mesi a venire. A tal fine, conto sul vostro sostegno e sui vostri suggerimenti.

Tra le priorità che mi prefiggo, rientrano un'efficiente gestione dei servizi consolari, la promozione della nostra lingua e la diffusione della nostra cultura.

Nell'auspicio di incontrarvi presto, vi auguro di passare serenamente questo periodo di festività e che possa il 2017 portare gioia e successo a voi tutti e alle vostre famiglie.

La Console Generale Emilia Gatto

 

Ultimo aggiornamento il 31/08/2020 


770